ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Oltre 10.000 morti. Il Covid-19 fa paura in Brasile (ma non a Bolsonaro)

euronews_icons_loading
Oltre 10.000 morti. Il Covid-19 fa paura in Brasile (ma non a Bolsonaro)
Diritti d'autore  Felipe Dana/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Brasile piange oltre 10.000 vittime, per il Covid-19. Sono 730 i morti confermati nelle ultime 24 ore, nel Paese più colpito dell'America Latina, con 10.611 contagi in più in un solo giorno. Un bollettino di guerra, in un Paese dove, il presidente continua a sminuire il pericolo, mentre oltre 155.000 risultano contagiate. Le deboli misure di isolamento sociale, messe in atto dal governo di Brasilia, aiutano il virus a diffondersi sempre più, tanto che in alcuni posti - come testimoniato dalle scioccanti foto che hanno fatto il giro del mondo - le vittime finiscono in fosse comuni.

E mentre il Congresso decreta tre giorni di lutto, chiedendo alla popolazione di seguire le raccomandazioni delle autorità sanitarie, Jair Bolsonaro si è trovato costretto ad annullare la maxi grigliata - ennesima provocazione del Capo di Stato di estrema destra - che aveva organizzato nel palazzo dell'Alvorada con i suoi sostenitori, dopo le polemiche scoppiate sulla stampa e sui social.

Il "churrasquinho" inizialmente prevedeva la partecipazione di una trentina di persone, tra ministri e stretti collaboratori del presidente. Ma dopo essere stato attaccato dalla stampa locale, Bolsonaro ha annunciato che avrebbe esteso la grigliata anche ai suoi sostenitori. "Saremo tremila, più o meno", ha ironizzato, prima di essere travolto da una nuova ondata di critiche e polemiche, che lo ha costretto ad annullare la reunion.