ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La popolazione nera è quella esposta a maggior rischio nelle favelas brasiliane

Douglas Magno / AFP
Douglas Magno / AFP   -   Diritti d'autore  DOUGLAS MAGNO/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel cuore delle favelas del Brasile, ognuna più miserabile dell'altra, il nuovo coronavirus ha trovato uno dei suoi terreni più preferiti al mondo per sciamare e uccidere. I neri, che abitano la maggior parte del paese e soprattutto questi bassifondi totalmente insalubri, sono quindi i primi a soffrire le fitte della malattia. Le statistiche nazionali lo dimostrano che quando i pazienti bianchi entrano in ospedale, hanno maggiori probabilità di uscire vivi rispetto ai pazienti di colore.

Poco più del 36% delle persone infette da Covid-19 e ricoverate in ospedale sono nere, ma rappresentano poco più del 45% delle morti.

Le favelas sono condannate d'ufficio

Quando la malattia è entrata nell'immenso territorio brasiliano, lo hanno notato gli epidemiologi, i primi casi di contaminazione sono stati essenzialmente abitanti di ritorno dall'estero, abitanti della classe benestante che erano stati in grado di permettersi questo tipo di viaggio . La popolazione povera si sbagliava quindi nel ritenere che il coronavirus non sarebbe penetrato all'interno delle favelas. E mentre le persone continuavano a lavorare come se nulla fosse accaduto, la pandemia si è sviluppata e diffusa.

Nell'emblematica città di Rio de Janeiro, ad esempio, il tasso di mortalità è molto più alto nei bassifondi: a Maré, un folto gruppo di favelas che è spuntato come funghi nel nord della città, questo tasso sale al 30,8% , mentre rispetto a Leblon, un distretto molto elegante nel sud di Rio, proprio sul mare, ha ristagnato al 2,4%.

Il direttore di una ONG con sede nei quartieri poveri, Redes da Maré, riassume la situazione. Eliana Sousa Silva: "A Maré abbiamo solo un ospedale pubblico e sette dispensari per una popolazione di oltre 140.000. La situazione era già precaria prima, ora è caotica"

La pandemia allarga "le disuguaglianze storiche ereditate dalla schiavitù"

La stessa situazione di precarietà generale, accesso minimo o inesistente all'assistenza sanitaria, condizioni di vita tristi e sovraffollamento permanente si registra nello Stato di San Paolo, che è il più densamente popolato del Brasile. Il rischio di morte per Covid-19 lì, secondo le autorità sanitarie nazionali, è ora più elevato del 62% per i neri. Gli ultimi calcoli indicano che il tasso di mortalità in questa regione è stimato in 15,6 per 100.000 abitanti tra la popolazione nera, rispetto al 9,6 per 100.000 abitanti per i bianchi.

Per Emanuelle Goes, una ricercatrice dell'Istituto Fiocruz - che è un riferimento in termini di salute pubblica - le disuguaglianze razziali sono dimostrate qui:

"La pandemia non fa che approfondire le disuguaglianze storiche ereditate dalla schiavitù, mentre le politiche che promuovono l'uguaglianza razziale si sono fermate".

Niente acqua nelle favelas

I neri raramente accedono alle cure private

Quando si vive in una favela sovraffollata, non c'è nemmeno motivo di parlare del famoso "distanziamento sociale". Per quanto riguarda l'igiene, è quasi impossibile mantenerla quotidianamente poiché l'acqua corrente non esiste quasi in queste catapecchie. E quando i neri che sopravvivono nella miseria hanno la sventura di ammalarsi, possono solo contare sul sistema sanitario pubblico, anch'esso gravemente deficitario. Coloro che hanno un'assicurazione sanitaria e possono essere curati in una clinica privata sono principalmente brasiliani bianchi.

Solo due numeri per chiarire:

Il reddito medio dei neri è appena il 55,8% di quello dei bianchi: questo è ciò che conclude un rapporto che è stato appena reso pubblico questa settimana dall'istituto di statistica IBGE.

E il 67% dei brasiliani che non hanno i soldi per accedere alle cure fornite nel settore privato sono neri.

8 maggio 1945: i veterani ricordano

La contaminazione di Covid-19 sfortunatamente prende la sua velocità di crociera in Brasile: 135.106 casi sono stati identificati giovedì sera e 9 146 morti. E questi dati sono ampiamente sottostimati, come credono molti scienziati della comunità internazionale.