Coronavirus: omicidio Leo, slitta discussione perizia

Coronavirus: omicidio Leo, slitta discussione perizia
Da imputato finora nessuna richiesta celebrazione udienza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 06 MAG - L'emergenza Coronavirus provoca il rinvio, a Torino, di un procedimento giudiziario su uno dei casi di cronaca che hanno destato più clamore nel capoluogo piemontese: l'omicidio di Stefano Leo, un 34enne sgozzato la mattina del 23 febbraio 2019 mentre camminava sul lungo Po. Il calendario prevedeva in questi giorni la discussione della perizia psichiatrica sull'imputato, dal quale però non sono giunte richieste di celebrazione dell'udienza: in base alle disposizioni sui contenimenti dei contagi, a meno di un ripensamento da parte di Said sarà dunque necessario aggiornare la causa. La data non è ancora stata individuata. La perizia psichiatrica è stata depositata nei giorni scorsi ma non è ancora a disposizione di tutte le parti. Mechaquat si era consegnato ai carabinieri un mese dopo l'omicidio spiegando di avere ucciso Leo, che non conosceva, per sfogare una situazione di disagio personale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, legge sui migranti: i richiedenti asilo saranno deportati in Ruanda

Le notizie del giorno | 23 aprile - Pomeridiane

Italia, Senato vota su gruppi pro vita nei consultori: polemiche su aborto in decreto Pnrr