ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus in Svezia: una giornata nei bar di Malmö per scoprire se la vita va avanti normalmente

Coronavirus in Svezia: una giornata nei bar di Malmö per scoprire se la vita va avanti normalmente
Diritti d'autore  Mie Olsen
Dimensioni di testo Aa Aa

"È un mito che la vita vada avanti normalmente, qui in Svezia", ha detto venerdì scorso Ann Linde, ministro degli Esteri del paese, difendendo la strategia governativa anti-COVID-19.

La Svezia è stata criticata da più parti per non aver attuato misure di contenimento del coronavirus tanto rigide quanto quelle dei vicini o di altre nazioni europee (qui un interessante articolo sul sito del collettivo Wu Ming)

Sono vietati i grandi raduni, sono state chiuse le scuole superiori e le università, agli anziani è stato detto di isolarsi. Ma ristoranti, bar, scuole elementari e la maggior parte delle aziende rimangono aperti, in aperto contrasto con l'affermazione di Linde.

Ci siamo recati a Malmö, sabato, per vedere di persona com'è la situazione.

A prima vista, Malmö sembra offrire prove a sostegno dell'affermazione di Linde.

Ci sono poche persone che camminano per le strade vicino alla piazza principale, Stortorget. I bar hanno cancellato gli eventi dal vivo, come i concerti, e si leggono diversi messaggi di ringraziamenti pubblici ai cittadini per la loro collaborazione nel mantenere il distanziamento sociale.

Eppure a Lilla Torg - una piccola piazzetta con molto carattere, vicino a Stortorget - c'è il consueto brusio da fine settimana. Giovani e vecchi bevono nelle terrazze dei bar riscaldati dalle stufette, le famiglie passeggiano tranquille sul marciapiede. L'accogliente caffè all'angolo, Folk & Rock, ha circa 20 clienti al suo interno.

Karolina Ingoldsson fa la cameriera al caffè. Ci ha detto che ci sono comunque meno clienti a causa delle paure legate al Covid-19. "Ma appena spunta il sole tutti ne approfittano per andare a bere qualcosa, sedendosi gli uni vicini agli altri. La gente non prende la cosa troppo sul serio".

Lo definisce un sabato "di basso profilo" rispetto agli standard normali e indica che a Stoccolma la situazione è peggiore rispetto a Malmö in quanto a decessi per Covid-19.

Robert Lind, residente a Malmö, insiste sul fatto che "la vita non va avanti normalmente".

"La gente è più prudente, evita la folla, sta più a casa e mantiene le distanze". Nel suo palazzo, un negozio di abbigliamento e un chirurgo plastico hanno chiuso per mancanza di clienti.

Dopo la nostra intervista, Robert si precipita discretamente a lavarsi le mani in una fontana pubblica vicina.

Fuori dal centro storico della città c'è sempre meno gente. Alcuni bar e caffè, davanti all'assenza di introiti, hanno ormai abbassato le saracinesche.

Tuttavia al popolare ristorante Mello Yello quasi tutti i tavoli sono occupati da gruppi rumorosi e sorridenti. Chi beve birra si lascia andare, a microfono spento, sulla necessità di continuare a socializzare. Secondo i clienti di questo bar, l'isolamento ritarda semplicemente il contagio, non è un rimedio affidabile contro il Covid-19.

Il personale del bar racconta che la "giornata è lenta", di solito "c'è più gente". In questi giorni, aggiungono, la struttura riceve visite settimanali delle autorità sanitarie pubbliche che controllano il rispetto della distanza di sicurezza di un metro e mezzo tra i tavoli.

Gli svedesi di Malmö sentono che il Covid-19 ha sconvolto in qualche modo la loro vita, ma pensano che non debba impedire loro di rilassarsi per la strada o farsi un drink.

Al momento di scrivere, la Svezia ha registrato oltre 1.500 morti per Covid-19, un terzo dei quali nell'ultima settimana. Nonostante la recente ondata, l'epidemiologo di Stato, Anders Tegnell, non ha fatto concessioni: la strategia anti-coronavirus rimane invariata.