ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: l'eccezione svedese non farà piacere all'Europa

Le opinioni espresse nell'articolo View (Punto di vista) riflettono unicamente le posizioni dell'autore.
Dimensioni di testo Aa Aa

La strategia per arginare la pandemia di COVID-19 della Svezia è diventata oggetto di grande attenzione nelle ultime settimane. Mentre gran parte del mondo è in isolamento o in fase di controllo, la Svezia ha scelto di non fare nessuna delle due cose. Nonostante alcune restrizioni, come il divieto di raduni pubblici di più di 50 persone e l'obbligo di separare i tavoli dei ristoranti, le strade rimangono affollate, i bar sono ancora aperti e le scuole elementari sono aperte. Invece di imporre restrizioni diffuse, il governo svedese ha consigliato ai suoi cittadini di agire in modo responsabile, praticando il distanziamento sociale e rimanendo a casa quando si è ammalati.

In un Paese di circa 10 milioni di persone, il numero di infetti e di morti in Svezia al 27 aprile 2020 è rispettivamente di 18.926 e 2.274. Queste cifre sono inferiori a quelle dell'Italia, della Spagna o del Regno Unito. Ma sono più alte di quelle della Grecia o del Portogallo, la cui popolazione è simile a quella della Svezia e molto più alte di quella dei vicini nordici. Questo potrebbe non essere visto come un disastro, ma non può nemmeno essere considerato rassicurante.

Un'epidemia di virus a Copenhagen causata da un cittadino svedese o proveniente dalla Svezia sarà una questione complicata da affrontare per entrambi.
Tae Hoon Kim
Ricercatore sudcoreano

La maggioranza degli svedesi continua a sostenere l'approccio del loro governo. Molti sostengono che gli svedesi pratichino comunque il distanziamento sociale come un'abitudine culturale. In quanto tali, possono agire responsabilmente nel modo in cui il governo chiede loro di fare, senza lockdown. Alcuni commentatori considerano questo come un esempio della fiducia reciproca tra lo Stato e il popolo che rende la Svezia unica nel suo genere.

Tuttavia, non è sicuro che i partner europei della Svezia rispetteranno questo senso di eccezionalità. Ciò che i responsabili politici svedesi trascurano sono le implicazioni internazionali di questo approccio.

Immaginiamo cosa succederà una volta che le serrate nazionali in Europa saranno revocate. È lecito chiedersi se la libera circolazione tra gli Stati sarà mai ripristinata come prima. Qualunque cosa accada, gli svedesi potrebbero trovarsi in una posizione particolarmente difficile. Senza essere stati in isolamento o essere stati sottoposti ai test come è sarà fatto in altri Stati europei. E con molti di coloro che sono stati infettati che non mostrano alcun sintomo, alcuni considereranno gli svedesi come maggiormente a rischio di portare la malattia.

Potrebbe essere vero che i diversi Paesi dovrebbero seguire approcci diversi per affrontare il COVID-19 in base alla loro situazione socioeconomica.
Tae Hoon Kim
Ricercatore sudcoreano

Alcuni Stati potrebbero ragionevolmente chiedere garanzie alla Svezia. Ciò è particolarmente importante per i vicini nordici che hanno tutti imposto misure molto più restrittive rispetto alla Svezia. La capitale della Danimarca, Copenaghen, si trova a soli 50 minuti dalla terza città più grande della Svezia, Malmö. I cittadini di entrambi i paesi si spostano avanti e indietro. Un'epidemia di virus a Copenhagen causata da un cittadino svedese o proveniente dalla Svezia sarà una questione complicata da affrontare per entrambi. Per l'Italia, la Spagna e la Francia, un tale scenario sarebbe potenzialmente catastrofico.

Non importa cosa credano i sostenitori dell'attuale strategia svedese, non riusciranno a dissipare queste preoccupazioni. Ciò diventerà più chiaro durante le discussioni a livello europeo sullo sviluppo di un sistema di risposta alla pandemia. L'assenza di una politica coordinata, con l'adozione di misure indipendenti da parte di ogni Stato e la mancanza di assistenza medica transfrontaliera sono ampiamente considerate come il principale fallimento dell'UE in questa crisi.

La Svezia si troverà in una posizione scomoda nella quale dovrà giustificare il suo approccio ai paesi più colpiti dal COVID-19. Il messaggio che la Svezia è diversa dagli altri paesi, che rispetta le libertà individuali e che non ha bisogno dell’isolamento potrebbe essere visto come arrogante. Gli Stati dell'Unione Europea che stanno forzando l'isolamento non l'hanno fatto perché sono meno liberali della Svezia, ma perché non avevano altra scelta. Il primo esempio di questa miopia svedese è la dichiarazione del suo epidemiologo di Stato, Anders Tegnell, in cui ha detto che era ridicolo chiudere i confini nazionali quando il COVID-19 si stava già diffondendo in Europa. Per gli italiani che hanno visto morire più di 20.000 loro concittadini a causa del virus, questo sarebbe considerato a dir poco insensibile.

Potrebbe essere vero che i diversi Paesi dovrebbero seguire approcci diversi per affrontare il COVID-19 in base alla loro situazione socioeconomica. Quello che è certamente vero, però, è che la politica di un Paese ha delle ripercussioni sugli altri, soprattutto quando si tratta di un virus killer contagioso. Trascurando le ripercussioni internazionali della sua strategia e sottolineandone l'eccezionalità, il breve sospiro della Svezia non sarà passato inosservato ai vicini europei.

  • Il dottor Tae Hoon Kim è un analista geopolitico ed economico sudcoreano che vive a Stoccolma.