Bancarotta paritarie,1 su 3 non riaprirà

Bancarotta paritarie,1 su 3 non riaprirà
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 17 APR - I Superiori Maggiori degli ordini religiosi lanciano un allarme: "Senza un intervento serio dello Stato il 30% delle scuole pubbliche paritarie sarà destinato a chiudere entro settembre" a alcune stanno per dichiarare "bancarotta già entro maggio". "I segnali che arrivano dai Gestori, dai Direttori/Direttrici didattici e dagli Economi sono drammatici", "non ci sono più soldi per pagare i dipendenti", "non ci sono le condizioni per arrivare fino a giugno 2020", dicono Madre Yvonne Reungoat, e padre Luigi Gateani, presidenti Usmi e Cism. Gli ordini religiosi si appellano al governo chiedendo "un fondo straordinario" o la detraibilità delle rette sostenute dalle famiglie al 100 per cento. In cambio possono offrire previo accordo parte dei loro spazi, "in una sorta di patto educativo e civico", per garantire a tutte le scuole di riaprire a settembre con il giusto distanziamento sociale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese