EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Roulette "svedese": Stoccolma rifiuta il blocco di fronte alla pandemia

Roulette "svedese": Stoccolma rifiuta il blocco di fronte alla pandemia
Diritti d'autore David Keyton/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore David Keyton/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Antonio Michele Storto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ma con 100 morti in una settimana, nel paese fioccano le polemiche. Oltre ai paragoni con l'ormai celebre immunità di gregge ipotizzata da Boris Jonson

PUBBLICITÀ

Mentre con l'avanzare della pandemia, i paesi europei continuano a gettarsi uno dopo l'altro nella corsa alla serrata contenitiva, la Svezia pare proprio decisa ad andare per la sua strada nella gestione dell'epidemia.

Qui l'approccio adottato è radicalmente diverso: nella capitale Stoccolma si possono ancora vedere persone che passeggiano in gruppo, godendosi questo primo spicchio di primavera.

Merito - o "colpa", sarà il tempo a dirlo - del governo guidato da Stefan Löfven, che ha evitato di imporre il lockdown generale come invece hanno fatto vicini di Norvegia e Danimarca, optando piuttosto per una campagna di raccomandazioni al pubblico, che includono il distanziamento sociale e il telelavoro dall'abitazione, esortando parallelamente gli ultrasettantenni ad autoisolarsi.

Ristoranti e scuole elementari sono rimasti aperti mentre gli assembramenti sono stati limitati a 50 persone per volta, ancora abbastanza per uscire con gli amici.

E ora, le autorità sanitarie nazionali sostengono che altri paesi sono stati troppo draconiani.

"Non si possono fare cosi cosi drastiche - dice Anders Tegnell, Epidemiologo dell'Agenzia sedese per la Sanità Pubblica. "Non è possibile tenere le scuole chiuse per quattro o cinque mesi, perché si avrebbero effetti collaterali in troppi ambiti, non ultimo nella sanità pubblica".

Ma con 3.700 casi e oltre 100 morti a partire da domenica - l'approccio è stato accolto con scetticismo da alcune autorità sanitarie. Il Journal of the Swedish Medical Association ha pubblicato un documento di ammonimento sui rischi di questa strategia; mentre Marcus Carlsson, un esperto in modelli matematici applicati all'epidemiologia, in una serie di video pubblicati su youtube, ha avvertito il governo: "non ci sono evidenze scientifiche che un'immunità di gregge possa essere raggiunta in questo modo. State giocando alla roulette russa con la vostra stessa popolazione".

Proprio così: la celeberrima immunità di gregge, ipotizzata dal premier britannico Boris Jonson - che di recente, tra gli sberleffi di mezzo mondo, è finito a letto a smaltire a sua volta un contagio da coronavirus, - rispunta ora dove molti probabilmente se l'aspettavano di meno. Nella progressista, umanitaria e social-democratica Svezia.

Alla storia, come sempre, spetterà il verdetto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia, sparatoria nei pressi dell'ambasciata di Israele: diversi arresti

Il dilemma dell'Ue: dalla dipendenza dai combustibili fossili a quella dai metalli

Svezia: un'inchiesta rivela, membri di gang criminali nella polizia, sedotti anche con il sesso