Covid 19: Boris Johnson adesso chiede a tutti di stare in casa

Covid 19: Boris Johnson adesso chiede a tutti di stare in casa
Diritti d'autore Ian Vogler/Ian Vogler
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oltre Manica sono oltre 300 i morti da covid-19. Il premier Boris Johnson lunedì sera ha finalmente fatto l'annuncio che tutti aspettavano "Stay at home"

PUBBLICITÀ

La stretta, attesa da alcuni giorni, è stata annunciata da Johnson. A partire da stasera e per tre settimane rimarranno aperte farmacie, minimarket, supermercati e gli alimentari, le stazioni di servizi, i negozi di ferramenta, negozi per i prodotti per gli animali domestici, i sanitari, gli uffici postali, le banche e le edicole. Chiuse invece le biblioteche. Mentre i parchi rimarranno aperti per fare esercizio, ma non sarà possibile andarci in gruppo e bisognerà osservare la distanza minima di due metri da qualunque altra persona. Sospesi inoltre tutti gli eventi sociali, inclusi battesimi e matrimoni, esclusi i funerali.  

Il nuovo coronavirus ha fatto oltremanica 300 morti. Dopo aver sfidato l'infezione chiedendo addirittura addirittura ai britannici di sputarsi in faccia e parlando di immunità di gregge, Boris Johnson è tornato sui suoi passi. 

"Vi do una semplice istruzione da stasera state tutti a casa. Dobbiamo assolutamente bloccare la diffusione dell'infezione. Per il momento staremo in casa per tre settimane. Se in questo lasso di tempo le cose migliorano potremmo anche revocare quest'ordine". 

Il confinamento parte da lunedì sera dopo un week end che ha visto i parchi e le coste prese d'assalto dai britannici assolutamente incuranti del pericolo coronavirus.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid-19: ora anche in GB si corre per ventilatori e test

GB: malpagati, gli addetti alle pulizie ospedaliere minacciano lo stop

Covid-19: 1°giorno di confinamento oltre Manica tra paura e dubbi