ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: il virologo Giulio Tarro non condanna l'immunità di gregge

euronews_icons_loading
APTOPIX Britain Virus Outbreak
APTOPIX Britain Virus Outbreak   -   Diritti d'autore  Matt Dunham/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L'immunità di gregge ventilata dal consigliere scientifico del premier britannico Boris Johnson fa discutere. Definita da molti una scelta irresponsabile, l'idea viene spiegata da Giulio Tarro, virologo e discepolo di Albert Sabin, il medico che ha sviluppato il più diffuso vaccino contro la poliomielite.

"Il Primo ministro inglese fa parte di una comunità scientificamente molto valida, presumo che alla base ci siano dei colleghi, dei primi attori - dice Tarro - Penso che possa essere un'ipotesi valida".

Le condizioni climatiche permettono al virus di svilupparsi, ma c'è chi non esclude che l'estate possa portare via la minaccia.

Secondo il professor Tarro potrebbe comportarsi come l'influenza: "L'influenza viaria, ma anche quella suina, sono diventate stagionali e regionali".

Londra mira a "proteggere le persone nel periodo di maggior contagio" e a "ritardare e abbassare il picco" fino ai mesi estivi, quando il servizio sanitario nazionale britannico è meno sotto pressione.