ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: in vigore il nuovo decreto. Arrivano aiuti dall'estero

euronews_icons_loading
Coronavirus: in vigore il nuovo decreto. Arrivano aiuti dall'estero
Diritti d'autore  Antonio Calanni/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Entra in vigore oggi il nuovo decreto annunciato sabato sera dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che chiude tutte le attività "non essenziali". Le aziende avranno comunque ancora due giorni per mettersi in regola. Un decreto che fa storcere il naso a sindacati e Confindustria. Se i primi minacciano uno sciopero generale, la seconda si dice preoccupata: "Entriamo in economia di guerra, il 70% del settore produttivo chiuderà e perderemo 100 miliardi al mese", dichiara il capo degli industriali, Vincenzo Boccia. "Dobbiamo garantire che i prodotti arrivino a supermercati e farmacie, ma da oggi dobbiamo considerare anche come far riaprire e riassorbire i lavoratori".

Vietati gli spostamenti da comune a comune

Da domenica intanto, grazie all'ordinanza "Speranza-Lamorgese", sono vietati i trasferimenti tra comuni diversi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo comprovate esigenze, legate a lavoro o salute. Un modo per impedire un'altra fuga dalle regioni più colpite dalla pandemia di Covid-19, verso il centro-sud. Questo non ha però impedito lunghe code di macchine che, dalla Calabria hanno attraversato lo Stretto verso la Sicilia.

Mi segnalano appena adesso che a #Messina stanno sbarcando dalla Calabria molte persone non autorizzate. Non è possibile...

Publiée par Nello Musumeci sur Dimanche 22 mars 2020

Rallentano i contagi, ma non bisogna allentare le redini

Nel frattempo, nella giornata di domenica è rallentato il numero di contagi e decessi, rispetto a sabato: 5.560 positivi in più (sabato si era toccato il record di 6.557), 651 morti in più (alla vigilia l'aumento era stato di 793). I casi totali sono balzati a 59.138, mentre i decessi sono in tutto 5.476. Sono invece 7.024 le persone guarite o dimesse. Numeri che fanno tirare un sospiro di sollievo. Ma è ancora troppo presto per pensare di aver raggiunto il picco.

Non bisogna abbassare la guardia, tenere le misure che sono state adottate, rispettare le indicazioni che sono state date anche nei provvedimenti del governo
Angelo Borrelli
Capo della Protezione Civile

Aiuti dall'estero

Non si ferma neanche per un secondo la lotta contro il Covid-19. E si fa sentire con atti concreti anche la solidarietà da fuori confine. Dopo la mano tesa la scorsa settimana dalla Cina, sono arrivati in tarda serata a Pratica di Mare gli aiuti russi, promessi dal presidente Vladimir Putin. Nove aerei cargo Ilyushin 76, che hanno scaricato tonnellate di materiale sanitario e decine di medici.

Poche ore prima era atterrata all'aeroporto di Milano Malpensa la delegazione composta da 52 tra medici e infermieri cubani, specializzati nel trattamento di pazienti colpiti da virus, che lavorerà nell'ospedale da campo allestito a Crema. Il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha fatto sapere inoltre questo lunedì mattina che è partito dal Brasile un carico con ventilatori polmonari e mascherine.