Coronavirus:vivaisti,blocchi a frontiere

Coronavirus:vivaisti,blocchi a frontiere
Presidente distretto,se deperiscono su Tir danno economia enorme
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PISTOIA, 3 MAR - Allarme dei vivaisti di Pistoia per il coronavirus. Il presidente del distretto, Francesco Mati, parla di Tir respinti dalle frontiere e di blocchi della merce. "Problemi assurdi - spiega -, ci sono camion rimandati indietro. I problemi alle dogane ci sono stati segnalati da una decina di aziende del territorio pistoiese ed hanno riguardato sia il transito di piante ornamentali verso l'Europa dell'Est, sia e soprattutto verso Balcani, Grecia e Turchia che è uno dei Paesi dove la nostra produzione viene più esportata". Per Mati alcuni blocchi avrebbero riguardato anche il transito verso il Nord Europa. E aggiunge: "A farsi prendere dal panico non sono solo gli italiani. La stessa cosa, infatti, vale per gli altri paesi europei, anche se le piante non portano assolutamente questo tipo di malattie". Sul blocco dei Tir che trasportano piante Mati evidenzia che si tratta di "merce deperibile che non può stare ferma sui camion a lungo, è un danno enorme".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Ucraina: Meloni e von der Leyen a Kiev per il G7, il primo sotto la presidenza dell'Italia

Nuove sanzioni a Mosca dopo la morte di Navalny: colpite aziende cinesi, indiane e turche