ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La pesca in Europa, un settore in cerca di ricambio generazionale

euronews_icons_loading
La pesca in Europa, un settore in cerca di ricambio generazionale
Diritti d'autore
euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita. Ma è sempre vero? E se qualcuno non volesse imparare a pescare? Il settore della pesca in Europa è in crisi. Gli anziani vanno in pensione, i loro figli scelgono altre carriere, e molte pescherie a conduzione familiare chiudono. Scopriamo che impatto ha tutto questo sulle comunità costiere e in che modo l'Ue cerca di sostenere il ricambio generazionale.

Un settore in via d'estinzione

Marie Kellgren ha 27 anni e pesca a tempo pieno - dice - da 4-5 anni. Fa parte della comunità di lingua svedese che popola l'isola di Pellinki, nel sud della Finlandia, dove per generazioni la pesca è stata un'attività commerciale rispettata e uno stile di vita tradizionale per molte famiglie. Ma oggi di pescatori qui ne restano pochi.

Una delle ragioni è il calo delle risorse ittiche. I pescatori puntano il dito contro la moltiplicazione dei predatori: sarebbero foche e cormorani a decimare gli stock.

In una situazione in cui riempire le reti non è più garantito, la sopravvivenza economica della pesca a conduzione familiare diventa sempre più incerta. "Non sono molti i giovani che pescano - lamenta Marie -. Penso sia perché è un duro lavoro fisico, e non sai per quanti anni potrai farlo. Iniziare è un grosso rischio".

La maggior parte dei giovani provenienti da famiglie di pescatori preferisce fare una scelta più sicura, lasciando l'isola per studiare. E con gli anziani che vanno in pensione, le piccole pescherie chiudono. A livello nazionale il numero di pescatori professionali a tempo pieno negli ultimi decenni è sceso da 1.800 a circa 400.

Un programma di apprendistato per incoraggiare il ricambio generazionale

"Non avevo previsto di darmi alla pesca - confessa Marie -. Ho studiato turismo a Helsinki, ma allo stesso tempo ho seguito un programma di apprendistato qui, a casa mia, con mio padre".

Un programma finanziato dall'Unione europea che ha permesso a Marie di lavorare per un anno come apprendista pescatrice, senza imporre un ulteriore onere finanziario all'attività di suo padre. Ora Marie è una professionista inserita a pieno titolo nella dinastia familiare, dove rivela il padre, Viking, "Mio padre fa il pescatore, il padre di mio padre faceva il pescatore e il padre del padre di mio padre faceva il pescatore. Quindi con Marie siamo alla quinta generazione di pescatori".

Il programma comprendeva un po' di teoria e 800 ore di pratica piuttosto intensa, ricorda Marie: "Ho imparato a pescare con reti e trappole, a prendermi cura del pesce e a prepararlo: salarlo, affumicarlo e farne frittelle. Ho imparato anche tecniche di marketing e tutto quel che serve per pagare le bollette".

I finanziamenti per l'apprendistato sono stati forniti principalmente dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, che sostiene il ricambio generazionale nel settore della pesca in Europa. L'idea è venuta da questa comunità di pescatori locali, dove un'altra aspirante pescatrice, Tanja Åkerfelt, aveva difficoltà a entrare nella professione.

"Mio padre pensava che non fosse una buona idea - racconta Tanja -. Allora ho parlato con altri pescatori chiedendo come potessi fare. Tra di loro c'era Esko, e insieme abbiamo avuto quest'idea".

Esko Taanila è il direttore di Flag, Fisheries Local Action Group (Gruppo di azione locale per la pesca), un partenariato fra azionisti privati e pubblici. È lui che ha elaborato i documenti semplificati, un contratto formale e il programma di formazione per il maestro e l'apprendista.

Formare un nuovo pescatore costa circa 6 mila euro. Esko dice che è un modo poco costoso di sostenere la pesca professionale, che è l'unica attività economica continua tutto l'anno in quest'area. Il programma contribuisce a rallentare il processo d'invecchiamento e il declino della comunità di pescatori del sud della Finlandia. Ma non è in grado di fermarlo, ammette: "Ogni volta che dieci pescatori lasciano il mestiere, troviamo uno o al massimo due giovani interessati a continuare".

ll programma dura da tre anni. Su 15 apprendisti, 12 hanno deciso di continuare a pescare professionalmente. È un tasso di successo elevato, ma con il crescente problema delle foche e il futuro incerto delle risorse ittiche, potrebbe non bastare.

"Dobbiamo trovare nuovi pescatori - insiste Esko -, perché l'età media qui è di 60 anni, quindi nel giro di 5-6 anni saranno tutti in pensione. È molto importante che la pesca continui a vivere nelle nostre zone costiere, altrimenti diventeranno zone morte".

Una nave scuola per i futuri pescatori

Molto più a sud, al largo del porto belga di Ostenda, la tradizione della pesca resta viva.

Qui gli studenti del Maritiem Instituut Mercator sono alla guida della loro nave sul Mare del Nord. Il loro peschereccio a strascico, il Broodwinner, è un'imbarcazione dedicata alla formazione. Costruito nel 1967, è stato recentemente ristrutturato grazie a un finanziamento europeo.

La formazione pratica qui è fondamentale per gli studenti, che in genere non hanno nessuna esperienza di pesca professionale prima di entrare nella scuola, afferma il loro insegnante, Bart DeWaegenare: "Forse il 20 per cento dei ragazzi proviene da famiglie con esperienza nel campo, mentre l'80 per cento non ne sa nulla, vengono da grandi città come Anversa e Bruxelles, niente a che fare con il mare. È importante avere una nave scuola, perché possano vedere di che cosa si tratta, e capire se vogliono fare questo lavoro".

Gli studenti partecipano a battute di pesca di otto ore fin dall'età di 12 anni. A 16, trascorrono una settimana su due in mare, dove imparano anche la navigazione e l'ingegneria navale. La maggior parte di loro punta a un lavoro nel settore marittimo, non necessariamente nella pesca, dove il lavoro è pesante e il rischio di incidenti elevato. "Dobbiamo imparare a pilotare la nave da soli e svegliarci la notte a riparare le reti. È dura, sì", ammette Sami, uno studente.

E un pescatore può guadagnare molto bene o molto poco, a seconda di quanto pesce riesce a portare a casa. Questo è destabilizzante confessa un altro studente, Seppe: "I guadagni sono imprevedibili. È per questo che molti non sono sicuri di volerlo fare. E anche perché è un lavoro davvero pesante, e molti non vogliono lasciar da soli i loro figli o i loro cari".

Il Belgio, con una linea costiera limitata e solo una settantina di pescherecci, non è un grande paese di pescatori. Ma per la provincia delle Fiandre occidentali la pesca ha tradizionalmente avuto un ruolo importante.

Negli anni '80 cinque scuole professionali formavano 300 ragazzi all'anno. Oggi rimane solo una scuola con 40 studenti. Il preside, Jackie Scherrens, sostiene che nella società moderna nemmeno gli alti salari e il miglioramento delle condizioni di lavoro rendono la pesca un mestiere abbastanza interessante per i giovani: "In passato se si doveva rimanere, per esempio, due settimane in mare, tre giorni in porto, fra cui due giorni di lavoro, non era un problema. Ora se per esempio devono restare otto giorni in mare e quattro giorni in porto, fra cui uno o due giorni di lavoro, non lo vogliono più fare. Quindi è molto difficile attrarre i giovani".

La speranza è che le sei nuove navi che stanno per entrare a far parte della flotta belga possano far rivivere l'interesse per questa professione, e che l'esperienza diretta a bordo di un peschereccio aiuterà i giovani a scegliere la loro carriera.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.