ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il lato oscuro del Super Bowl: lo sfruttamento sessuale

euronews_icons_loading
 (AP Photo/Wilfredo Lee)
(AP Photo/Wilfredo Lee)   -   Diritti d'autore  Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved   -   Wilfredo Lee
Dimensioni di testo Aa Aa

Ogni anno, la stagione del football americano termina con lo spettacolo del Super Bowl, attirando superstar, enormi introiti pubblicitari e circa 100 milioni di telespettatori.

Tuttavia, il mega-evento sportivo ha anche un lato oscuro, rappresentato dal picco nel traffico di esseri umani, in particolare un aumento dello sfruttamento sessuale.

Quest'anno Miami l'ospiterà il 2 febbraio prossimo, ma in Florida - che vanta il terzo più alto tasso di traffico di esseri umani nel Paese - si teme che la combinazione della kermesse, unita a spiagge e locali di tendenza, possa creare una tempesta perfetta per il traffico sessuale.

"Quando avevo 13 anni hanno venduto la mia innocenza, ma sono uscita dalla tratta, l'ho vissuta dai 13 ai 17 anni - dice Katariina Rosenblatt, sopravvissuta al traffico sessuale e fondatrice dell'ONG 'There Is Hope For Me' - i turisti venivano da altri posti a Miami Beach per acquistare prestazioni sessuali".

Per combattere il problema, le forze dell'ordine hanno chiesto aiuto a dipendenti degli hotel, tassisti ed impiegati nella sicurezza: queste, infatti, sono le persone che hanno maggiori probabilità di incontrare le vittime e gli autori della tratta e sarebbero in grado di fornire alle autorità suggerimenti e prove del crimine in atto.

In pratica, se un ospite riceve un numero insolito di visite nella propria stanza d'albergo, se chiede una stanza vicino alle scale, se si rifiuta di far entrare gli addetti alle pulizie, se arriva con pochi bagagli o chiede costantemente di rifornire il minibar, questi sono segnali rivelatori che qualcosa non va, dice la Polizia.

Gli organizzatori del Super Bowl stanno partecipando agli sforzi per aumentare la consapevolezza sulla tratta.

Il problema fu evidenziato l'anno scorso, allorquando quando Robert Kraft, miliardario statunitense proprietario dei New England Patriots, fu accusato di sollecitazione della prostituzione per aver avuto rapporti sessuali a pagamento con due dipendenti di un centro benessere.

Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
(AP Photo/Lynne Sladky)Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.Lynne Sladky