ULTIM'ORA
This content is not available in your region

I dati Frontex: mai cosi pochi migranti, in Italia 11.500 sbarchi nel 2019

euronews_icons_loading
I dati Frontex: mai cosi pochi migranti, in Italia 11.500 sbarchi nel 2019
Diritti d'autore  Grafica Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Mai cosi pochi ingressi di immigrati irregolari nell'Unione Europea: nel 2019 sono stati 139.000, il livello più basso dal 2013.

Secondo i dati ufficiali dell'agenzia europea Frontex, gli arrivi sono stati il 6% meno del 2018 e addirittura il 92% in meno del record del 2015, quando in Europa arrivo' oltre un milione di persone.

Memorandum d'Intesa con la Libia, "porti chiusi" e Accordo di Malta

A determinare il calo, la "stretta" dell'Europa che ha provocato la diminuzione dei migranti approdati sulle coste europee attraverso le rotte del Mediterraneo centrale e occidentale, giro di vite ispirato dalla volontà dell'Italia di rinnovare il Memorandum d'Intesa con la Libia e con la Guardia Costiera libica, siglato il 2 febbraio 2017 dall'allora Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, con Fayez Mustafà Al-Serraj, Presidente libico riconosciuto a livello internazionale.

Alla riduzione degli sbarchi, del resto, hanno contribuito anche i molto contestati "porti chiusi" decisi da Matteo Salvini nel periodo (2018-2019) in cui è stato in carica come ministro degli Interni.

Calano gli arrivi, ma è aumentata l'organizzazione.
Decisivo il nuovo meccanismo europeo di accoglienza e redistribuzione nei paesi europei dei migranti, stabilito dall'Accordo di Malta.

In Italia non sbarcano (quasi) più

Grafica Euronews

Il calo più significativo, proprio sulle coste italiane, con una riduzione del 41% degli sbarchi rispetto allo scorso anno: 11.500 le persone approdate, soprattutto in arrivo dalla Tunisia e dal Sudan, molto meno rispetto a Spagna (24.000 arrivi) e Grecia (oltre 82.000 arrivi, 46% in piu rispetto al 2018).

Nonostante l'accordo tra Europa ed Erdoğan

La rotta del Mediterraneo orientale ha subito un'impennata, nonostante l'accordo tra UE e Turchia.
In aumento gli ingressi irregolari sulla rotta balcanica: circa 14.000, oltre il doppio rispetto al 2018.

Da dove partono i migranti?

A fronte di un calo del 58% di arrivi dai paesi del Nordafrica, si registra un notevole aumento dei migranti - oltre la metà di tutti i migranti irregolari - provenienti dalla Siria e, in particolare, dall'Afghanistan, con il 167% in più rispetto al 2018.

I dati raccolti da Frontex mostrano anche un numero sempre maggiore di donne fra i migranti irregolari: nei primi 10 mesi del 2019 circa il 23% dei migranti erano donne, il 4% in più rispetto al 2018.

Grafica Euronews