ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Australia, brucia anche la riserva ambientale dell'Isola dei Canguri

Australia, brucia anche la riserva ambientale dell'Isola dei Canguri
Diritti d'autore
AP Photo/Rick Rycroft
Dimensioni di testo Aa Aa

È stata descritta come le Galapagos dell'Australia. A lungo rifugio per diverse specie a rischio di estinzione - i canguri, i koala, i leoni marini, le oche di Cape Barren - anche l'Isola dei Canguri è adesso una fornace.
Gli incendi devastanti degli ultimi giorni hanno braccato e ucciso animali, e distrutto alberi di pino e di bluegum nelle riserve gestite dal Kangaroo Island Plantation Timber.

Il tweet del Guardian: "Incendi a Kangaroo Island: gravi timori per la fauna selvatica minacciata, dopo la stima di 25.000 koala uccisi".

L'Australia che brucia è la stessa che, ad apocalisse in corso, comincia a ipotizzare la stima dei danni, raddoppiata in due giorni con richieste di risarcimento pari a 700 milioni di dollari australiani, secondo l'Insurance Council of Australia.

Il tweet di WWF Australia: "Questa è un'emergenza. L'Australia è nella morsa degli incendi più catastrofici che il Paese abbia mai visto. Più di 8,5 milioni di ettari di terra australiana sono stati bruciati. E non è ancora finita".

I roghi, alimentati dalla siccità e dall'anno più caldo e secco del Paese, sono implacabili da settembre: finora le fiamme hanno ucciso 25 persone, mezzo miliardo di animali e distrutto 2.000 case.
"Gli incendi continuano a bruciare - dice il primo ministro australiano Scott Morrison - il fuoco continuerà a bruciare per i mesi a venire. Ed è per questo che oggi ho sottolineato che c'è uno stanziamento iniziale, aggiuntivo, di 2 miliardi di dollari. Se ne servono di più e il costo è più alto, allora ne verranno erogati di più".

Gli Stati che pagano lo scotto più alto sono il Nuovo Galles del Sud e Victoria. Nelle ultime ore la tregua è stata garantita da un abbassamento delle temperature e dalla diminuzione dei venti, ma il peggio non è passato. Le autorità australiane hanno richiamato in servizio oltre tremila riservisti per affrontare l'emergenza.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.