ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Australia, situazione devastante: 260 incendi ancora attivi

Australia, situazione devastante: 260 incendi ancora attivi
Diritti d'autore
ALASTAIR PRIOR
Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora incendi in Australia. I due stati più popolosi: Nuovo Galles del Sud e Victoria non hanno ancora domato le fiamme. Sono stati registrati 260 focolai, colpa del caldo e dei forti venti.

TWITTER/@RIFFRAFFBRIZ
MallacootaTWITTER/@RIFFRAFFBRIZ

Nella città sud-orientale di Mallacoota, 4.000 residenti sono fuggiti verso la spiaggia, mentre i venti spingevano le fiamme sulle loro case. Come vedete dalle immagini, la città ha preso un'inquietante colore rosso.

Stessa scena a Batemans Bay.

Richiesta di aiuto a Usa e Canada

"Questi incendi, in particolare a Gippsland durante la notte e durante la giornata di ieri - dice Daniel Andrews, premier dello Stato di Victoria - sono stati così forti che hanno creato un microclima. Ci sono state perdite significative in termini di proprietà, scorte, rimesse... Non saremo in grado di confermare i dettagli per un po' ". Il premier dello Stato di Victoria ha chiesto aiuto anche ai vigili del fuoco degli Stati Uniti e del Canada.

Le vittime dei roghi

Un uomo e suo figlio sono le ultime vittime degli incendi. Il bilancio totale sale a 12 dall'inizio dei roghi, che hanno già distrutto centinaia di case e oltre cinque milioni di ettari di terreno. E a pagarne le conseguenze non sono solo le persone. Secondo stime ancora provvisorie, circa il 30% dei koala potrebbe essere morto negli incendi. L'area colpita del Nuovo Galles del Sud, infatti, rappresenta il 30% dell'intero habitat dell'animale, la cui popolazione contra tra i 15.000 e i 28.000 esemplari.

Le ripercussioni politiche

Intanto non è piaciuto ai suoi connazionali il premier australiano Scott Morrison che, mentre il paese scontava l'esordio dell'emergenza incendi, se n'è andato a trascorrere il natale alle Hawaii con moglie e figlie. I suoi sforzi per calmare le acque sono stati vani. "La natura della sfida è grande e quindi nei giorni, nelle settimane e nei mesi a venire continuerà ad essere difficile", ha detto il premier. "Vorrei che avessimo notizie migliori a San Silvestro, ma una notizia che ci consola è lo straordinario spirito degli australiani. Abbiamo già affrontato questi disastri in passato, superandoli".

Il murales cancellato diventato virale

Così un murales che lo ritrae in camicia hawaiana e cocktail in mano è diventato virale sui social ed è stato stampato sulle T-shirt, prima di venire cancellato. Morrison, 51 anni - in carica dall'agosto del 2018 alla guida di una coalizione nazional-liberale - sostiene inoltre che il cambiamento climatico non influisca sugli incendi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.