EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La gioia dei nazionalisti scozzesi, che ora sognano un nuovo refenderum sull'indipendenza

La gioia dei nazionalisti scozzesi, che ora sognano un nuovo refenderum sull'indipendenza
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'SNP di Nicola Sturgeon ha ottenuto 48 dei 59 scranni disponibili al parlamento scozzese. Un secondo referendum è sempre più realtà

PUBBLICITÀ

Ha festeggiato così, Nicola Sturgeon - leader del Partito Nazionalista Scozzese - il successo ottenuto al voto.

L'SNP avrà infatti 48 dei 59 seggi disponibili per i deputati scozzesi della House of Commons, a un passo dallo storico record delle elezioni del 2015. Un referendum, un altro, sull'indipendenza dal Regno Unito è ora più vicino.

Abbiamo presentato una proposta molto chiara. E gli scozzesi hanno detto molto chiaramente che non vogliono Boris Johnson come Primo Ministro, che non vogliono la Brexit. E vogliono che il futuro della Scozia sia nelle mani della Scozia
Nicola Sturgeon
Leader SNP

Avranno anche stravinto in casa, ma a Westminster, la maggioranza Tory di BoJo farà tutto il possibile per ostacolare un secondo voto sull'indipendenza scozzese. "Questa resta una questione interna al Regno Unito, che dovrà essere discussa e negoziata in Regno Unito e non credo che l'Unione Europea possa o sia legittimata a intromettersi", spiega ai nostri microfoni Radosh Mushovic, analista politico.

Solo sei conservatori e un deputato laburista scozzesi siederanno a Westminster. I liberaldemocratici avranno quattro scranni, ma la leader del partito, Jo Swinson, è stata sconfitta nel collegio di East Dunbartonshire.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché le tre fratture del Regno unito sono un guaio per tutta Europa

Come potrebbero cambiare le politiche migratorie del Regno Unito con un governo laburista

Una vittoria dei laburisti potrebbe avvicinare il Regno Unito all'Ue?