ULTIM'ORA

Botte a detenuto, 11 agenti a processo

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 13 NOV – Per presunte intimidazioni e
pestaggi, tra il 2016 e il 2017, ai danni di un tunisino di 50
anni, Ismail Ltaief, detenuto per tentato omicidio, undici
persone, tra ispettori e agenti di polizia penitenziaria del
carcere milanese di San Vittore, sono stati rinviati a giudizio
dal gup di Milano Alessandra Cecchelli. Il processo comincerà
per tutti il prossimo 12 febbraio davanti alla quinta sezione
penale. Le accuse sono, a vario titolo, intralcio alla
giustizia, lesioni, falso e sequestro di persona. Stando
all’indagine del pm di Milano Leonardo Lesti, le botte e le
minacce avrebbero avuto lo scopo di punire Ltaief poiché nel
2011, quando era in cella a Velletri (Roma), aveva denunciato
altri agenti per furti in mensa e percosse. I pestaggi sarebbero
stati messi in atto pure per impedirgli, questa è l’ipotesi, di
testimoniare nel processo ‘bis’ davanti al Tribunale della
cittadina laziale sulla vicenda delle presunte ruberie.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.