Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

'Sundae Bloody Sundae': la pubblicità di Mc Donald's che ha fatto infuriare gli irlandesi

'Sundae Bloody Sundae': la pubblicità di Mc Donald's che ha fatto infuriare gli irlandesi
Diritti d'autore
REUTERS/Shannon Stapleton
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Sta facendo molto discutere, soprattutto in Irlanda, una campagna pubblicitaria di Mc Donald's in Portogallo. In occasione di Halloween gli addetti al marketing hanno ideato uno slogan quantomeno infelice - 'sundae bloody sundae' - per promuovere il sundae, il gelato in vendita nei ristoranti della catena.

Un riferimento al Bloody Sunday, la domenica di sangue del 30 gennaio 1972, quando a Derry, in Irlanda del Nord, i parà dell'esercito britannico aprirono il fuoco sui manifestanti che stavano partecipando ad una marcia per i diritti civili, uccidendo 13 persone.

Lo foto del materiale pubblicitario hanno iniziato a circolare sui social media, attirando le critiche di diverse persone, che hanno definito l'iniziativa "spaventosa". McDonald's si è scusata e ha annunciato di avere ritirato il materiale dai suoi punti vendita in Portogallo.

Leggi anche |Ulster: addio padre Daly, prete simbolo del Bloody Sunday

"La campagna era intesa come una celebrazione di Halloween - ha fatto sapere Mc Donald's in un comunicato a Euronews -, non voleva essere un riferimento insensibile a uno specifico evento storico o sconvolgere o insultare nessuno in alcun modo. Ci scusiamo sinceramente per qualsiasi offesa o angoscia che questo possa aver causato. Tutto il materiale promozionale è stato rimosso dai ristoranti".

All'inizio di quest'anno un ex soldato britannico è stato rinviato a giudizio con l'accusa di omicidio per l'uccisione di due persone durante gli incidenti del Bloody Sunday, evento a cui sono stati dedicati vari film e una delle più celebri canzoni degli U2.