Elemosiniere del Papa in ghetti foggiani

Elemosiniere del Papa in ghetti foggiani
'Grido di aiuto, far risuonare i verbi accogliere, proteggere'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 27 SET - In vista della Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, che ricorre domenica 29 Settembre, papa Francesco ha mandato il suo Elemosiniere card.Konrad Krajewski nei cosiddetti "ghetti" della Capitanata, nel foggiano. Oggi l'Elemosiniere, accompagnato dal vescovo di San Severo, mons.Giovanni Checchinato, e dall'arcivescovo di Foggia-Bovino, Vincenzo Pelvi, ha visitato due di questi insediamenti, in baraccopoli o masserie abbandonate, dove vivono migliaia di lavoratori agricoli, per la maggior parte migranti provenienti dall'Africa (Nigeria, Ghana, Senegal e Gambia), in condizioni di grave precarietà a livello giuridico, abitativo e sanitario. "Con questo gesto il Pontefice desidera essere vicino a tutte queste persone vittime dello sfruttamento, dell'emarginazione e dell'esclusione, portare una parola di speranza e farsi voce del loro grido di aiuto", spiega l'Elemosineria apostolica, facendo "risuonare con forza" i "quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Due anni di guerra in Ucraina: aiuti dall'Ungheria attraverso la Transcarpazia

Russia, corpo di Alexei Navalny consegnato alla madre

Houthi colpiscono una nave: enorme chiazza di petrolio nel Mar Rosso