ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L' Autista di Falcone all' Antimafia

L' Autista di Falcone all' Antimafia
L'unico superstite, 'mi disse diventerò procuratore nazionale'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PALERMO, 26 SET – “Avrei sperato di essere su questi
banchi molto prima: non ho avuto possibilità di dare il mio
contributo”. A distanza di 27 anni dal terribile attentato di
Capaci che costò la vita a Giovanni Falcone, alla moglie
Francesca Morvillo e a tre agenti di scorta, l’unico testimone
diretto sopravvissuto a quella strage ha deposto davanti alla
Commissione parlamentare. Una “amnesia” inspiegabile per
Giuseppe Costanza, l’autista di Falcone con cui il magistrato
aveva un rapporto strettissimo di stima e fiducia. Tanto da
confidargli una notizia non ancora ufficiale che doveva restare
riservata. “E’ fatta: io sarò il procuratore nazionale antimafia
prenditi il brevetto per l’elicottero”. A riferire questo
particolare, raccontato da Costanza ai commissari durante
l’audizione svoltasi a porte chiuse e il cui contenuto è stato
in parte ‘secretato’, è stato un altro magistrato che conosceva
molto bene Falcone, il senatore Pietro Grasso, ex procuratore a
Palermo e alla Dna.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.