EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Maxi rogo, pm, condanne oltre a sei anni

Maxi rogo, pm, condanne oltre a sei anni
Processo su caso 'Chiasserini'. Procura, grave danno ad ambiente
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 23 SET - Il traffico di rifiuti stoccati e bruciati, nell'ottobre 2018, nel deposito di via Chiasserini, a Milano, ha provocato "un danno all'ambiente e alla società" di proporzioni tali da chiedere un impegno costante e andato avanti "per tutta l'estate" da parte delle autorità competenti. Un lavoro, effettuato dalla Città metropolitana che ha iniziato le bonifiche sul sito a luglio, e volto ad "evitare conseguenze per la salute e il bene pubblico". E' un passaggio della requisitoria del pm di Donata Costa che ha chiesto condanne fino a 6 anni e 8 mesi di carcere, con la pena più alta per Aldo Bosina, l'amministratore di fatto della Ipb Italia, società che gestiva il deposito e per altri tre imputati. Il pm ha poi chiesto 3 anni e 10 mesi di carcere per l'imprenditore Giovanni Girotto, 3 anni e 4 mesi di carcere Patrizia Geronimi, amministratrice della Ipb Italia, e 4 anni e 2 mesi per Pietro Ventrone, amministratore di una società intermediaria.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Borrell: Europa pronta a riattivare missione civile a Rafah ma serve via libera Israele ed Egitto

Nato: per Stoltenberg l'Occidente deve ridurre le restrizioni sulle armi all'Ucraina

Gaza, Netanyahu alla Knesset: "A Rafah un tragico incidente di cui rammaricarsi"