Un giro a 200Km/h per battere il cancro

Un giro a 200Km/h per battere il cancro
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 18 SET - Un giro ad alta velocità in autodromo per aiutare a combattere i tumori e sostituire la terapia del dolore con una giornata da Formula 1. E' l'idea, nata dall'immensa passione per le auto da corsa e le gare in montagna, messa in pratica con ottimi risultati da Amedeo Pancotti, primario di Oncologia all'ospedale Mazzini di Teramo e presidente di "Hozho", un'associazione di volontariato di Ascoli Piceno che si occupa di donne operate al seno. "Non hanno guidato solo per motivi medico legali - corre veloce sul filo dell'entusiasmo il professor Pancotti raccontando all'Ansa la sua avventura in pista con i suoi pazienti malati di tumore - L'esperienza in pista a Magione (Perugia) è stata meravigliosa. E' venuto anche un club Ferrari e Abarth, tutti si son seduti su una Rossa: li ho fatto girare con una Delta Integrale: hanno fatto tre giri ciascuno e non siamo andati piano, anche a 200 chilometri orari e la cosa bella è che quel giorno molte persone non hanno fatto la terapia del dolore ed è stato bellissimo''.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco