EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Hong Kong: la legge sulle estradizioni è sospesa

Hong Kong: la legge sulle estradizioni è sospesa
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo le violente manifestazioni di piazza il governo cittadino fa marcia indietro e blocca il dibatito e l'apporvazione della legge sulle estradizioni in Cina

PUBBLICITÀ

Hong Kong annuncia la "sospensione" sine die del dibattito sulla controversa legge delle estradizioni in Cina. La dichiarazione è della governatrice Carrie Lam.

Carrie Lam, governatrice di Hong Kong: Come governo responsabile, dobbiamo mantenere la legge e l'ordine da una parte e valutare la situazione per la più grande inclusione di Hong Kong, tra cui ripristinare la calma sociale il prima possibile ed evitare ulteriori scontri.

"Forse non siamo stati efficaci nella comunicazione"

Le nostre intenzioni erano sincere ed erano di colmare alcune lacune normative", ha aggiunto Lam, che ha letto una dichiarazione di oltre dieci minuti prima in cantonese e poi in inglese, volendo ricostruire le ragioni della vicenda. "Forse non stiamo stati sufficientemente efficaci nella comunicazione, ma ora la priorità è quella di ricostruire la pace e l'ordine e la fiducia verso il governo".

La marcia indietro

In un primo momento, la volontà governativa era quella di approvare la normativa e renderla effettiva a luglio, entro "l'attuale legislatura, ma ora non è più la priorità", ha chiarito Lam. Una sopsensione che la dice lunga sul come ammortizzare i rapporti con la Cina. Hong Kong resta una vetrina troppo delicata per poter imporre soluzioni drastiche.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hong Kong insegna: se volete organizzare una protesta ben fatta, non affidatevi a Facebook

Hong Kong, la protesta contro l'estradizione in Cina si rafforza

35 anni da piazza Tiananmen: il mondo ricorda il massacro del 4 giugno 1989, la Cina no