Scontri Genova: sentito poliziotto

Scontri Genova: sentito poliziotto
Ha salvato cronista. 'Momento brutto ma colleghi non sono folli'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 25 MAG - E' stato sentito in procura Giampiero Bove, il funzionario di polizia che giovedì ha riconosciuto il giornalista di Repubblica Stefano Origone mentre veniva picchiato dagli agenti durante gli scontri in piazza Corvetto con gli antifascisti e antagonisti nel corso del comizio di Casapound. Il dirigente ha sottratto Origone dai colpi dei colleghi: in quel momento coordinava le 2 squadre del reparto a cui appartengono gli uomini che hanno colpito il cronista. Quando ha visto che si trattava di Origone ha urlato "Basta, è un giornalista" e gli si è buttato addosso per ripararlo. Nelle prossime ore gli investigatori della mobile, coordinati dall'aggiunto Vittorio Ranieri Miniati e dal sostituto Gabriella Dotto, riceveranno le relazioni dei due capisquadra che comandavano i 20 uomini del reparto impegnati a fermare un manifestante. "L'ho abbracciato - dice Bove - gli ho detto chi ero, l'ho tranquillizzato. Lui mi ha riconosciuto e mi ha mostrato la mano colpita. L'ho portato al sicuro perché arrivavano pietre".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya, il capo delle forze armate muore in uno schianto in elicottero: tre giorni di lutto

Polonia: arrestati due sospettati per l'attacco a Leonid Volkov, capo dello staff di Navalny

Guerra in Ucraina: precipita un bombardiere russo, per Mosca è guasto tecnico ma Kiev rivendica