EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Trump cerca di arginare dolo dei dazi: 16 mld di dollari agli allevatori e ai coltivatori

Trump durante la conferenza stampa a Washington del 23 maggio 2019
Trump durante la conferenza stampa a Washington del 23 maggio 2019 Diritti d'autore REUTERS/Carlos Barria
Diritti d'autore REUTERS/Carlos Barria
Di Simona Zecchi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sedici miliardi di dollari, tanti gli aiuti stanziati da Trump per proteggere gli agricoltori e gli allevatori americani. Il programma di aiuti cercherà di arginare così il colpo più temuto dai farmer americani causato dalle perdite subite soprattuto nel settore della soia

PUBBLICITÀ

Sedici miliardi di dollari, tanti gli aiuti stanziati da Trump per proteggere gli agricoltori e gli allevatori americani. Una tregua sostanziosa man mano che gli effetti della battaglia dei dazi si accumulano.

"Tutto grazie alla Cina. - Ha detto Trump in conferenza stampa - "Per un periodo di tempo centinaia di migliaia di dollari, provenienti dai dazi che gli abbiamo imposto, aiuteranno i nostri coltivatori".

Il programma di aiuti del segretario all'Agricoltura degli Stati Uniti, Sonny Perdue cercherà insomma di arginare il colpo più temuto dai farmer americani, causato dalle perdite subite soprattuto nel settore della soia.

Durante la conferenza stampa a Washington il capo della Casa Bianca ha poi aperto a un altro caso cinese, quello che vede al centro il colosso tecnologico Huawei, affermando:

"E' possibile che Huawei possa essere risolto nell'ambito dell'accordo commerciale con la Cina, non vedo ostacoli visto che abbiamo già messo in atto una parte dell'accordo".

Questo pur mantenendo anche l'altra posizione sul caso, quella della "pericolosità" del produttore cinese rilevata a Trump.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Si allarga l'offensiva contro Huawei

Huawei non teme Washington

Usa-Cina: occhio per occhio, dazio per dazio