Allevatori sardi uccisi, caccia a killer

Allevatori sardi uccisi, caccia a killer
Indagini a tutto campo, anche su faida di 50 anni fa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ORISTANO, 21 MAG - E' caccia al killer dei due allevatori uccisi ieri a fucilate nelle campagne di Ruinas, in provincia di Oristano. Vittime due emigrati di 80 anni, Pietro Secci e Carmelino Marceddu. Un agguato forse legato a una vecchia faida che ha insanguinato il paese 50 anni fa. Ma a Ruinas non tutti credono al collegamento con crimini accaduti in un passato così lontano. Al momento, però, è questo l'unico spunto di un'indagine ancora alle sue prime battute. Secci e Marceddu conducevano una vita riservata. Tuttavia i loro nomi si intrecciano con i fatti di sangue della faida degli anni '60. Nel 1966 Marceddu, all'epoca 25enne, assistette all'uccisione del fratello Luigi; nel 2001 il fratello di Secci, Dino, era invece rimasto ferito durante l'omicidio di Pierpaolo Meloni. Fatti datati sui quali ora gli investigatori dell'Arma e la Procura di Oristano intendono riaccendere i riflettori. Il duplice omicidio sarebbe avvenuto di mattina in una zona impervia nelle campagne del paese, dove i due accudivano dei bovini

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue cerca nuove rotte commerciali dalla Cina: il Corridoio di mezzo attraverserà Caucaso e Turchia

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"

Parigi: riapre la Torre Eiffel, accordo tra sindacati e direzione