Legnano, Fratus: 'Nomine per bene città'

Legnano, Fratus: 'Nomine per bene città'
Interrogatorio di garanzia per sindaco e vicesindaco
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 20 MAG - Nomine "dirette e non politiche", fatte per il "bene della città". Così, durante l'interrogatorio di garanzia, hanno replicato Gianbattista Fratus e Maurizio Cozzi, rispettivamente ex sindaco ed ex vicesindaco di Legnano (Milano), alle accuse di corruzione e turbativa d'asta mosse a loro carico nell'inchiesta "Piazza Pulita" della Guardia di Finanza di Milano e coordinata dalla Procura di Busto Arsizio. I due politici hanno risposto alle domande del Gip di Busto Arsizio Piera Bossi mentre si è avvalsa della facoltà di non rispondere l'assessore alle Opere Pubbliche Chiara Lazzarini, anche lei arrestata giovedì scorso, che ha deciso di dimettersi. Il gip ha ora cinque giorni per decidere sulla sussistenza o meno delle esigenze cautelari di Fratus e Cozzi, che ne hanno chiesto la revoca.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: i russi vogliono conquistare Chasiv Yar entro il 9 maggio

Gli eurodeputati chiedono di sequestrare i beni russi congelati

Difesa: Rishi Sunak annuncia piano aumento spesa al 2,5 per cento del Pil