Ucciso nel 2011, due arrestati

Ucciso nel 2011, due arrestati
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - COSENZA, 17 MAG - Ucciso perché non voleva dividere con gli altri affiliati alla cosca i proventi dell'attività di usura che aveva iniziato, peraltro, senza il preventivo assenso dei boss. Sarebbe questo il movente dell'omicidio di Giuseppe Ruffolo, ucciso a colpi di pistola nel settembre 2011 a Cosenza, per il cui omicidio le Squadre mobile di Cosenza e Catanzaro e lo Sco hanno arrestato Roberto Porcaro, di 35 anni, e Massimiliano D'Elia (33), già noti alle forze dell'ordine, a conclusione di indagini coordinate dalla Dda di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri. Per l'accusa D'Elia è l'autore materiale del delitto; Porcaro, ritenuto uno dei massimi esponenti del clan Lanzino-Patitucci, sarebbe il mandante. "Le indagini - ha detto il capo della mobile di Cosenza Fabio Catalano - si sono avvalse di attività tecniche e dichiarazioni di collaboratori di giustizia. Il quadro probatorio ha consentito di delineare elementi di colpevolezza tali da far ritenere che il delitto sia maturato nel clan Lanzino-Patitucci".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni regionali Sardegna 2024: lo spoglio vede Todde avanti su Truzzu

Usa, soldato si dà fuoco all'ambasciata di Israele: muore in protesta per Gaza

Polonia, si ampliano le proteste degli agricoltori: occupata l'autostrada che porta in Germania