Sigilli a coltelli sardi made in Asia

Sigilli a coltelli sardi made in Asia
Oltre 1.500 pezzi scoperti in rivendita souvenir a Golfo Aranci
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GOLFO ARANCI 8SASSARI), 17 MAG - Oltre 1.500 falsi coltelli tradizionali sardi, modello "pattadesa", fabbricati in Pakistan e pronti alla vendita in una boutique di souvenir e artigianato locale di Golfo Aranci, sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza del Comando provinciale di Sassari. Denunciata anche un'imprenditrice sassarese di 54 anni, per frode in commercio. I Baschi Verdi nel corso di una serie di controlli nel settore del commercio hanno intercettato alcuni colli di merce trasportati da un spedizioniere e diretti a Golfo Aranci. I militari, insospettiti dalla documentazione che accompagnava i pacchi, hanno approfondito i controlli. I pacchi sono stati aperti alla presenza del destinatario e i finanzieri si sono trovati davanti a 690 coltelli di varie misure, di foggia simili al modello "pattadesa" che viene prodotto artigianalmente in Sardegna, ma realizzati nell'Asia meridionale. Erano stati acquistati per 5 euro il pezzo e sarebbero stati rivenduti a prezzi oscillanti tra i 30 e i 70 euro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni