Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Europee: tutte le risposte date dai 6 candidati alla Commissione Ue nel dibattito

Europee: tutte le risposte date dai 6 candidati alla Commissione Ue nel dibattito
Diritti d'autore
Candidates for the Presidency of the European Commission/Eurovision Debate - EU Elections 2019 - Family picture - WT5
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

I sei principali candidati alla presidenza della Commissione europea si sono confrontati, per la seconda volta in pochi giorni, sui temi caldi della campagna elettorale in vista delle Elezioni europee del 23/26 maggio 2019.

A dibattere, dalla sede del Parlamento europeo di Bruxelles, i politici che aspirano a rimpiazzare Jean-Claude Junker al timone della Ue. Si tratta di Manfred WEBER, candidato del PPE; Frans TIMMERMANS, candidato del Partito dei socialisti europei, Pse; Ska KELLER, candidata per i Verdi; Margrethe VESTAGER, tra i sette candidati del Team Europa di ALDE (Alleanza dei democratici e dei liberali per l'Europa); lo spagnolo Nico CUÉ, candidato della sinistra europea; Jan ZAHRADIL, candidato dell'Alleanza dei conservatori e dei riformisti in Europa, Acre.

Assenti al confronto politico le leadership delle forze populiste e di estrema destra che stanno organizzandosi per creare nuovi gruppi in seno al Parlamento europeo e al momento non hanno identificato un loro Spitzenkandidat. Le ultime proiezioni del Parlamento europeo, basate sui sondaggi nazionali (compresi quelli fatti nel Regno Unito), prevedono che le forze tradizionali che fino ad ora hanno guidato le istituzioni europee come gli S&D e il Ppe non avranno più la maggioranza assoluta dei seggi. Si ipotizza dunque un Parlamento europeo politicamente più frammentato in cui i liberali potranno fare la differenza nelle discussioni per trovare una maggioranza.

Se vi siete persi il dibattito, in cima trovate la registrazione della serata; di seguito, invece, le principali posizioni tema per tema di tutti i candidati, intervistati da Markus Preiss (ARD-WDR), Emilie Tran-Nguyen (France Télévision) e Annastiina Heikkila (Yle).

Immigrazione

Zahradil: Non ripeterei l’errore delle quote obbligatorie che aumentano il divario est-ovest in Europa, va cercata una soluzione che rispetti il diritto sovrano dei Paesi di concedere o meno asilo.

Weber: 10mila agenti di frontex subito per controllare le frontiere. Papa francesco ci ricorda le nostre responsabilità umanitarie: serve un grande piano Marshall per l’Africa e un commissario per l’Africa.

Cué: Per la sinistra europea la migrazione è un’opportunità, io sono un esempio vivente di questo, non possiamo parlare di invasione, è lo 0.5% della popolazione: può contribuire a ringiovanire l’Europa, sono scandalose le dichiarazione di Weber

Vestager: E' importante trovare soluzioni di lungo termine, trovare un modo di gestirla e renderla legale. Parlo di un sistema comune d’asilo e di una solidarietà comune.

Timmermans: stiamo perdendo i nostri valori non risolvendo questo problema. Ogni barcone va salvato nel Mediterraneo, sono inaccettabili le multe a chi salva le persone, e quindi ci vuole piano per l’Africa per evitar che salgano sui barconi

Keller: Siamo a favore della solidarietà europea, dobbiamo condivere le responsabilità e ripartirle, sostenere le comunità che aiutano le persone in difficoltà. Dobbiamo impegnarci nello sforzo di ricerca e salvataggio e impedire che muoia anche solo un altro migrante

Disoccupazione giovanile

Zahradil: Non è la Commissione che crea lavoro ma l’imprenditoria, alcuni buoni programmi ci sono già. Credo sia necessario avere soluzioni mirate Paese per Paese perché le economie sono molto diverse in Europa.

Weber: Serve responsabilità e solidarietà assieme. In Portogallo i giovani chiedevano non tanto salario minimo ma posti di lavoro, serve una buona politica economica in infrastrutture, ricerca, commercio e un grande mercato unico ancora più forte.

Cué: Se vogliamo ritornare al problema del precariato dobbiamo tornare ai contratti a tempo intederminato e avere un salario minimo europeo al di sopra della soglia della povertà.

Vestager: Dobbiamo promuovere un’economia che consenta a chi lavora a tempo pieno di guadagnare in maniera accettabile, non fissando un salario minimo perché i sistemi sono diversi. L’Unione europea può fare qualcosa insieme agli stati membri e alle parti sociali.

Timmermans: Estendiamo l’Erasmus a tutti i giovani europei, a prescindere da quello che fanno; in secondo luogo, assicuriamo un salario minimo che sia il 60% di quello medio; quindi espandiamo il piano garanzia giovani nei Paesi membri. Infine abbassiamo l’età minima del voto a 16 anni.

Keller: L’austerità ha danneggiato la vita delle persone e sferrato un colpo alla promessa europea di prosperità per tutti. Dobbiamo lasciarcela alle spalle. La garanzia per i giovani deve essere vincolante per tutti e con un finanziamento adeguato: investiamo nell’economia verde sul serio. La transizione socio-ecologica della società deve essere l’obiettivo.

Ambiente e cambiamento climatico

Zahradil: Vengo dalla parte dell’Europa che 30 anni fa era la più inquinata. Propongo una transizione sostenibile sul piano sociale e obiettivi realistici, non utopistici. La Commissione dovrebbe cambiare il modo in cui si sovvenziona l’agricoltura sovvenzionando i piccoli agricoltori organici.

Weber: Un’Unione europea neutrale dal punto di vista del carbone entro il 2050. Il sistema di scambio delle emissioni può essere ampliato nel settore dell’aviazione. Credo nell’innovazione, da ingegnere ambientale: creiamo un orizzonte che investa in tecnologie capaci di risolvere il problema.

Cué: Ringrazio i giovani che da settimane si lamentano perché non li ascoltiamo, e nessuna misura concreta viene presa davvero: non affrontiamo il problema delle multinazionali che inquinano per il 70% a livello mondiale. Non spostiamo il problema della tassazione sui più deboli come ha fatto Macron in Francia. Ripartiamo con l’iniziativa pubblica, i soldi ci sono, abbiamo trovato 3mila miliardi per salvare le banche.

Vestager: Possiamo creare milioni di posti di lavoro, innanzitutto con le ferrovie ad alta velocità. Seconda cosa: bisogna investire a livello nazionale ed europeo sulla ricerca, se interveniamo in maniera sistematica tutti possono partecipare, è un’idea che dobbiamo raccogliere insieme.

Timmermans: La prossima Commissione deve mettere l’emergenza climatica in cima all’agenda. Concretamente: tassiamo il carburante degli aeroplani e la CO2 di tutte le imprese europee, possiamo farlo se troviamo un accordo tra i Paesi europei. Una Ong ha monitorato i voti e ha definito il PPE un dinosauro, sul tema. Ma saranno i poveri a essere colpiti per primi dalla crisi.

Keller: Abbiamo solo un pianeta, è un’emergenza, non possiamo fare compromessi né tergiversare. Le misure sono scritte nero su bianco, dobbiamo solamente applicarle. Metterei fine alle sovvenzioni ai combusitibli fossili, milioni di euro che vanno dirottati sulle tecnologie pulite e amiche del clima che creerebbero tanta occupazione.

Multinazionali e tasse

Zahradil: Penso che siano gli Stati membri a dover tassare le imprese, non la Ue che non è uno Stato. Si deve lottare sì contro l’evasione fiscale, e la commissione Vestager ha fatto un ottimo lavoro per creare un ambiente di competizione sano per le aziende europee.

Weber: C’è bisogno di una tassa digitale e utilizzare i proventi per il processo di trasformazione, per chi perde il lavoro a causa della digitalizzazione. Dobbiamo passare dal voto per unanimità a quello per maggioranza qualificata. Sulla tassazione è necessario un accordo comune in Europa.

Cué: Abbiamo zone in cui sono stati tolti compleatamente i servizi pubblici: le imposte servono a tutta la popolazione. Da anni si parla di armonizzare la tassazione europea per evitare il dumping. Basta parole però, passiamo ai fatti.

Vestager: Della tassazione sulle multinazionali me ne sono occupata in prima persona, alcune multinazionali pagano lo 0.5%. Dobbiamo fare due cose: tassazione digitale sui giganti del web e fissare un livello minimo delle aliquote per le imprese. Ce ne sono tante che lavorano e abbiamo bisogno di equità tribuaria. Un paradiso fiscale per me è laddove tutti pagano le tasse.

Timmermans: Ci vuole un 18% minimo di tassazione sulle imprese, non meno. Possiamo convincere tutti, anche l’Irlanda e il mio paese, l’Olanda.

Keller: Le multinazionali esulano dalle loro responsabilità e mancano le risorse per scuole, ospedali, istruzioni. Ci deve essere una tassa sulle multinazionali digitali e un’aliquota minima sulle società. Abbiamo cercato di fissare regole sulla trasparenza ma gli altri hanno votato un sistema di eccezioni, la trasparenza però deve valere per tutti.

Politica estera e rapporti commerciali con gli Usa

Zahradil: Penso che dovremmo negoziare con gli Usa perché il mercato transatlantico è importantissimo, ma ce ne sono anche altri come quello con il Giappone. Dobbiamo proseguire su questa strada e essere veri pionieri di libero commercio in particolare con i Paesi dell’Asia, è lì che sta il futuro.

Weber: Non possiamo dire di no a Trump, gli Usa sono nostri amici e abbiamo tante cose in comune. Ma dobbiamo essere chiari con il Presidente: facciamo un accordo commerciale ma solo in un ambiente di partenariato. Infine, niente più unanimità ma maggioranza qualificata per utilizzare la piena forza dell’Europa nel panorama mondiale.

Cué: I trattati di libero scambio indeboliscono l’Europa. Democrazia in Europa vuol dire discutere su questi trattati perché toccano agricoltura, industria e tutta l’economia europea.

Vestager: La Ue è il più grande blocco commerciale nel mondo: dobbiamo avere più fiducia in noi stessi e determinazione, dare accesso al nostro mercato ma solo in cambio di un accesso in libera concorrenza ad altri mercati. Gli accordi con Canada e Giappone sono ottimi in questo senso.

Timmermans: Siamo più forti degli Usa, ma se c’è qualcuno in Europa che va dietro a Putin o a Trump, continueremo ad essere deboli e divisi. Dobbiamo convincere quelle forze europee come Salvini, Farage o Strache che dobbiamo essere uniti e compatti nei confronti di Usa e Russia, altrimenti saranno loro a dettare la musica.

Keller: Dobbiamo chiederci quale è il ruolo che la Ue debba avere nel mondo. L’Europa dovrebbe essere una presenza di pace e per i diritti umani. Ma dobbiamo essere coerenti e impedire l’export di armamenti nelle zone di guerra, difendendo i diritti umani ovunque. L’accordo di Parigi e i diritti umani devono essere citati negli accordi commerciali.

Brexit, stato di diritto e euroscetticismo: la Ue funziona ancora?

Zahradil: I cittadini europei sono un po’ stanchi di questa integrazione costante, sentono che l’Europa sia invasiva e minaccia i loro valori sociali. Sono favorevole alla Ue ma la vorrei più snella e flessibile, che faccia meno e meglio. La risposta non deve essere per forza più Europa.

Weber: Dobbiamo lottare contro chi vuole distruggere l’Europa. Nella Brexit il messaggio che voleva uscire era quello che i britannici volevano riprendersi la sovranità. Abbiamo bisogno di un meccanismo di legalità vincolante e indipendente per difendere i nostri valori e usare i fondi contro coloro che non vogliono aderire ai nostri principi.

Cué: L’unità europea esisteva ma le politiche di austerità contro i Paesi del sud stanno smantellando tutto. Non sono d’accordo con quanto fanno i fascisti in Italia e Ungheria, ma bisogna fare delle scelte per gli abitanti della Ue: dobbiamo curare la loro situazione invece che diminuire i servizi pubblici, le pensioni e alzando l’età pensionabile. La responsabilità è vostra.

Vestager: Dobbiamo cambiare il nostro modo di parlare e esprimerci, smettere di usare acronimi oscuri come GDPR, togliere tutte le etichette e discutere dei problemi reali e costringerci a dire la verità, combattere le fake news online e offrire uno spazio di riflessione ai cittadini.

Timmermans: Persone che in passato votavano per il mio partito ora votano per gli estremisti, ed è colpa nostra. Ora però sono delusi, basta vedere cosa succedere con la Brexit nel Regno Unito. Abbiamo tutti una responsabilità collettiva di proposta ai cittadini per convincerli a ritornare da noi con proposte costruttive, creando unità in Europa per risolvere i problemi futuri.

Keller: Il vero fulcro della questione è il nazionalismo e le forze che non riconoscono i diritti umani. Non dobbiamo lasciare spazio ai movimenti populisti e alle forze estremiste con cui non dobbiamo collaborare. Il PPE ha questo problema, con Orban e con il FPO austriaco.

Raw Questions: cosa hanno risposto i candidati alle domande di Euronews

Nelle ultime settimane, Euronews ha parlato con cinque candidati (Frans Timmermans, Ska Keller, Violeta Tomic, Guy Verhofstadt, e Jan Zahradil - Manfred Weber non ha accettato il nostro invito) per conoscerli un po' meglio e capire cosa propongono nel loro programma.