Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Europee, Monti: "L'Italia sovranista sarà minoranza in Ue"

Europee, Monti: "L'Italia sovranista sarà minoranza in Ue"
Dimensioni di testo Aa Aa

C'è bisogno di un'Europa diversa da quella che abbiamo avuto finora, anche quando sarà scampato il pericolo populista. Lo dice l'ex Presidente del Consiglio italiano in un'intervista alla corrispondente di Euronews, Giorgia Orlandi. L'Italia Giallo Verde - prevede Monti - farà parte della minoranza nel prossimo parlamento europeo.

"L'Italia probabilmente sarà il Paese con il maggiore progresso dei partiti populisti o sovranisti nelle elezioni europee. Siamo del resto gli unici ad avere una grande coalizione di due partiti entrambi sovranisti - sostiene il senatore a vita - Siccome tutte le previsioni lasciano intendere che non ci sarà una maggioranza sovranista al parlamento europeo, i parlamentari europei eletti in Italia siederanno soprattutto nei banchi dell'opposizione. Così come non mi aspetto che il Presidente della Commissione europea sia un populista, né mi aspetto che ci sia una maggioranza di commissari populisti o sovranisti. Questo significa che l'Italia, nel contesto degli organi europei, sarà un po' in controtendenza".

Giorgia Orlandi, euronews: "Cambieranno presto i vertici europei. Che Europa sarà quella dopo le elezioni di fine maggio?"

"Spero molto diversa da quella che abbiamo avuto finora che pure ha realizzato grandi cose. Non basta affatto che una volta proclamato lo scampato pericolo, nel caso i sovranisti non abbiano la maggioranza, che l'Europa torni, con un sospiro di sollievo al suo modo di essere tradizionale. Questo significa spogliare gli Stati membri del potere di veto - conclude Mario Monti - Se vogliamo un'Europa dei popoli avremo un'Europa in cui la voce del parlamento e della commissione sarà più efficace e in cui quella dei singoli Paesi che vogliono bloccare avanzamenti per gli altri, avrà vita più difficile".