Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Notre-Dame, questo modello 3D potrebbe essere decisivo per la ricostruzione

Notre-Dame, questo modello 3D potrebbe essere decisivo per la ricostruzione
Diritti d'autore
Andrew Tallon/Vassar College.
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

I piani di ricostruzione della basilica di Notre-Dame inizieranno a concentrarsi sul tetto e la guglia, le due parti andate completamente perdute. Pochi, tuttavia, hanno davvero idea di come ricreare con precisione lo straordinario intrico di travature ottocentesco o gli elementi architettonici gotici. Ma la risposta su come ricostruire la cattedrale potrebbe venire dall'altra parte dell'oceano, dal database della copia 3D della chiesa più precisa al mondo.

Il progetto di ricostruzione deve molto al compianto Andrew Tallon, professore d'arte appassionato di architettura medievale e cattedrali gotiche. È scomparso nel novembre dello scorso anno, ma verrà ricordato per il lavoro di scansione laser effettuato per catturare, con precisione forense, ogni millimetro di legno e roccia. In un'intervista del 2015 con National Geographic, Tallon spiegava che gli edifici "si spostano". "La forma si modifica quando le fondamenta si muovono, quando il sole batte solo da un lato".

Tallon sostenne che i movimenti di un edificio possono rivelare il suo progetto originale. Ma nel caso di Notre-Dame, non è stato possibile utilizzare altri strumenti che la tecnologia di scansione laser, capace di misurare con precisione la struttura.

Per due anni, Tallon si è dedicato a misurare ogni palmo dell'interno e dell'esterno della cattedrale con l'ausilio di raggi laser. Montata su un treppiede, ha posizionato la macchina in una cinquantina di punti diversi per misurare le distanze tra ogni parete e pilastro, così come tra ogni angolo e ogni statua. In questo modo, è stato in grado di registrare ogni imperfezione.

Alla fine, ogni misura è stata rappresentata da un punto colorato. Sommati insieme, hanno creato l'immagine tridimensionale della cattedrale.

I dati sono stati "cuciti" insieme per formare un reticolato di oltre un miliardo di punti. Le immagini finali generate dal computer ricostruiscono la cattedrale nei minimi dettagli, compresi i più piccoli difetti, con una precisione di circa cinque millimetri.

Da queste misurazioni, sono state realizzate le fotografie che vedete qui, pubblicate in un libro del 2013 e presentate un anno dopo proprio nella cattedrale di Notre Dame. Ma la maggior parte dei dati è rimasta finora inesplorata. Così, il modello di Tallon potrebbe aiutare gli architetti che saranno responsabili del progetto di ricostruzione in un ambito fondamentale: quello della precisione.

Un altro modello molto accurato è stato costruito da Caroline Miousse, artista di Ubisoft, che ha ricreato l'iconica cattedrale per la versione 2014 del videogioco Assassin's Creed Unity.