Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Palermo, blitz contro la mafia nigeriana

Palermo, blitz contro la mafia nigeriana
Dimensioni di testo Aa Aa

Tredici fermi a Palermo: è questo l'esito dell'operazione della Polizia di Stato denominata "No Fly Zone" e volta a disarticolare un clan nigeriano, denominato "Eiye", ramificato su tutto il territorio nazionale.

I provvedimenti sono stati emessi dalla Direzione Distrettuale Antimafia della città siciliana nei confronti di cittadini nigeriani accusati di far parte di una associazione a delinquere di stampo mafioso, come dimostrano le indagini della Squadra Mobile di Palermo, che si sono avvalse di attività tecniche e soprattutto delle dichiarazioni di due collaboratori nella comunità nigeriana.

Il cruento rito di affiliazione

Botte, sangue, alcool. I riti di affiliazione registrati dalle microspie piazzate dalla polizia a Ballarò sono la conferma del racconto dei pentiti. Il nuovo adepto viene spogliato e spinto per terra, preso a calci e pugni, poi costretto a bere un intruglio del suo sangue e delle sue lacrime. Questo il cruento rituale prima di giurare fedeltà e totale silenzio sulle pratiche dell’organizzazione.

"L'attività investigativa - riporta l'Ansa - ha preso spunto dalla denuncia di una ragazza nigeriana vittima di tratta e di sfruttamento della prostituzione, che ha fornito agli agenti significativi elementi in ordine all'appartenenza agli Eiye del suo sfruttatore".

"Gli investigatori hanno individuato la casa di appuntamenti nel quartiere Ballarò ed avviato una attività che ha consentito di ricostruire l'organigramma dell'associazione a livello locale, fino a giungere ai suoi vertici".