ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Malata "lasciata a terra da Ryanair"

Malata "lasciata a terra da Ryanair"
Il racconto dello zio, "l'umanità dovrebbe prevalere su tutto"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - CAGLIARI, 25 MAR - Voleva rientrare al più presto a casa, in Sardegna, dopo essersi sottoposta all'ennesima seduta di chemioterapia. Ma per una ragazzina di 16 anni e per i suoi familiari il rientro prima ad Alghero e poi nel paesino dell'Oristanese in cui vivono si è trasformato in una odissea: gli steward di Ryanair in servizio all'aeroporto Marconi di Bologna, li hanno lasciati a terra e loro sono stati costretti a cambiare aeroporto e compagnia aerea per ripartire. Lo racconta lo zio della ragazza a "La Nuova Sardegna". L'incredibile episodio è avvenuto lunedì 18 marzo. La minorenne e i familiari, ricostruisce il quotidiano attraverso la testimonianza del parente, raggiungono lo scalo bolognese alle 5.45 per prendere il volo per Alghero in partenza alle 6.30. "Al momento della prenotazione, avevamo chiesto l'assistenza all'imbarco e ci siamo messi in fila per il check-in e la consegna bagagli - spiega lo zio - Alle 6.10 siamo arrivati davanti all'operatrice che ci ha detto che l'imbarco bagagli era già chiuso".

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.