Oltre 700 morti in Africa australe per il ciclone Idai

Oltre 700  morti in Africa australe per il ciclone Idai
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Devastati Mozambico, Zimbabwe e Malawi. L'Onu ha stanziato 20 milioni di dollari, ma "servono più aiuti"

PUBBLICITÀ

Il ciclone Idai ha ucciso più di 700 persone in Africa meridionale. La situazione è tragica in Mozambico, Zimbabwe e Malawi dove gli abitanti hanno disperato bisogno di soccorsi. Secondo l’Onu, le persone colpite sono oltre 1 milione e 700 mila, senza acqua potabile ed elettricità.

Il Paese che ha riportato più danni è il Mozambico con oltre 400 morti.

Proveniente dall’Oceano Indiano, il ciclone ha colpito la città costiera mozambicana di Beira, una settimana fa, con venti fino a 170 km orari per poi spostarsi nell’entroterra dove ha distrutto abitazioni, strade, strutture sanitarie e scuole, provocando black out elettrici ed esondazioni di fiumi.

L'Onu, che ha stanziato 20 milioni di dollari, ha lanciato un appello alla comunità internazionale affinché intensifichi gli sforzi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ciclone Idai: è emergenza in Mozambico, si teme epidemia di colera

Spagna: rami di albero contro le montagne russe, 14 feriti

Ucraina, appello delle Nazioni Unite: "Servono 3,8 miliardi per gli aiuti umanitari"