Israele: la ministra e il profumo 'fascismo', spot elettorale choc

Israele: la ministra e il profumo 'fascismo', spot elettorale choc
Diritti d'autore  REUTERS/Amir Cohen
Di Salvatore Falco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lo spot cerca, attraverso questa provocazione, di rilanciare la nuova formazione politica della Shaked e del ministro dell'Istruzione Naftali Bennett, che nei sondaggi appare in affanno in vista delle elezioni del 9 aprile.

PUBBLICITÀ

Fa discutere in Israele lo spot elettorale della ministra della Giustizia, Ayelet Shaked, candidata del partito 'La Nuova Destra'.

La classica pubblicità, se non fosse che spruzza un profumo da una boccetta con la scritta 'fascismo'.

Lo spot cerca, attraverso questa provocazione, di rilanciare la nuova formazione politica della Shaked e del ministro dell'Istruzione Naftali Bennett, che nei sondaggi appare in affanno in vista delle elezioni del 9 aprile.

Lei non è nuova a posizioni forti e contestate: alla Knesset, il Parlamento israeliano, Shaked è entrata nel 2013 con Focolare ebraico, una formazione ultra-nazionalista di destra; quando nel dicembre 2018 Bennett ha lasciato il partito, lo ha seguito e insieme a lui e ad altri fuoriusciti ha fondato 'La Nuova Destra', con la quale oggi si ripresenta come numero due in lista.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, accuse di corruzione: cosa succede ora per Netanyahu?

Israele: la coalizione di governo annuncia elezioni anticipate

La nuova campagna di Ikea in Portogallo: quando uno scandalo politico fa pubblicità