ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Minori aggredirono nero, oggi le scuse

Minori aggredirono nero, oggi le scuse
A Napoli patto 'salomonico' siglato da abbraccio con vittima
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - NAPOLI, 25 FEB - Un abbraccio in chiesa, nel Rione Sanità, a Napoli tra la vittima e i due bambini che lo avevano offeso e aggredito con spray urticante. Un gesto paterno che ha siglato la pace tra Yacoubou Ibrahim - un 51enne del Benin in Italia da 28 anni che lavora alla Asl come mediatore culturale - e i due bambini, 10 e 12 anni, che alcuni giorni fa lo aggredirono utilizzando anche insulti razzisti. A fare da 'garanti' una cordata di istituzioni come parrocchia, municipalità, organizzazioni educative sociali e forze dell'ordine propensi più a recuperare i ragazzi che a punirli. Spiega Ivo Poggiani, presidente della Municipalità: "Abbiamo avviato un'azione pedagogica, rintracciato i ragazzini con i quali abbiamo parlato e abbiamo discusso con le loro famiglie. Al loro incontro con Yacoubou, abbiamo invitato le famiglie, gli educatori, il parroco don Antonio Loffredo, le forze dell'ordine e li abbiamo visti parlare con l'uomo che avevano insultato, dispiacersene, chiedergli scusa ed infine abbracciarlo".

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.