EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gup,nessun dolo per sindaci Banca Marche

Gup,nessun dolo per sindaci Banca Marche
Collegio non inattivo ma filiera credito banca asservita vertici
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 20 FEB - Per le accuse relative al crac di Banca Marche, tra cui il concorso in bancarotta fraudolenta, "non è configurabile dolo" a carico dei tre componenti del collegio sindacale in carica fino aprile 2012. Lo scrive il gup di Ancona Carlo Cimini nella motivazione della sentenza con cui ha assolto in abbreviato Franco D'Angelo, Marco Pierluca e Piero Valentini perché il fatto non costituisce reato. La Procura contestava il concorso al dissesto, con 13 ex vertici rinviati a giudizio, omettendo i "poteri di vigilanza". Dagli atti il gup evince che il collegio sindacale era in "buona fede", ha "esercitato i poteri di vigilanza e controllo e i vari interlocutori aziendali addetti ai controlli interni non hanno mai rappresentato situazioni allarmanti o critiche nell'area della concessione, monitoraggio, recupero del credito". La "filiera" della concessione del credito per il giudice, era "caratterizzata da una sorta di asservimento di strutture periferiche e subordinate agli esponenti apicali" di BM.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La crisi immobiliare colpisce la Grecia, i prezzi delle case sono aumentati dell'11 per cento

Francia, Macron rassicura la Nato sugli impegni per l'Ucraina: dilemma maggioranza e primo ministro

Le notizie del giorno | 12 luglio - Serale