EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Gilet Gialli: 3 mesi di proteste e molte polemiche aperte

Gilet Gialli: 3 mesi di proteste e molte polemiche aperte
Diritti d'autore 
Di Paola Cavadi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Domenica, l'atto XIV della protesta. Secondo i manifestanti a scendere in piazza in tutto il Paese almeno 40 mila persone. Polemiche per gli insulti antisionisti all'intellettuale Alain Fienkelkraut. Assaltata un'auto della polizia a Lione.

PUBBLICITÀ

Il movimento dei gilet gialli compie tre mesi. Domenica a Parigi e nelle principali città francesi è andato in scena l'atto quattordicesimo delle proteste che ha visto sfilare, secondo i manifestanti, 41.500 persone in tutto il Paese. Solo nella capitale Parigi si sono dati appuntamento in 1500 agli  Champs-Élysées e hanno sfilato pacificamente, o quasi, 90 giorni dopo quel fatidico 17 novembre 2018, data della prima azione di protesta.

"Oggi abbiamo avuto una discreta affluenza - dice una delle organizzatrici - siamo felici per questi tre mesi del movimento, per far capire che la primavera sta arrivando e per il fatto che siamo riusciti a superare l'inverno, il movimento sociale va bene".

Contestazioni si sono levate anche all'indirizzo di Ingrid Levavasseur,

Ingrid Levevasseur, l'ex capo della lista Rally Citizens Initiative (RIC) per l'Europa, lista abbandonata alla vigilia delle elezioni europee, è stata costretta da altri gilet gialli ad abbandonare il corteo. La donna è stata criticata dal movimento perché si è mostrata disponibile a partecipare come cronista a una trasmissione tv, invito infine declinato. La figura di spicco del movimento ha dichiarato di non avere paura e di considerare fatti come questi lesivi dell'immagine unitaria del movimento. 

Déstabilisée par les attaques sexistes et obscènes d’une ribambelle de trolls sur les réseaux, j’ai pris mon courage à 2...

Publiée par Ingrid Levavasseur sur Samedi 9 février 2019

Altro fronte della polemica: domenica a Parigi alcuni manifestanti con indosso un gilet giallo hanno aggredito verbalmente il filosofoAlain Finkielkraut lungo il boulevard Montaparnasse. Il filosofo, è figlio di ebrei polacchi scampati alla Shoah e aveva criticato nei giorni scorsi i gilet gialli. "Sporco ebreo", "sporco sinonista" gli isulti ricevuti dall'intellettuale che, tirato per il braccio da un altro uomo, si è allontanato quasi subito.

Tolleranza zero per gli atti antisionisti ha detto il presidente Emmanuel Macron su Twitter.

E' pochi giorni fa la notizia che gli atti di antisemitismo in Francia sono cresciuti vertiginosamente lo scorso anno. (Leggi qui per saperne di più)

Oltre che nella capitale, manifestazioni si sono tenute a Bordeaux, Marsiglia, Lione, Tolosa e altri centri.

A Rouen un'auto ha provato a forzare un blocco dei gilet gialli, i manifestanti hanno iniziato a spingere il mezzo e insultare chi era nel veicolo, l'auto ha accelerato e ci sono stati tre feriti.

A Lione un'auto della polizia è stata presa d'assalto da un gruppo di manifestanti, come testimoniano le immagini riprese da uno dei poliziotti coivolti. Alcuni assalitori indossano un gilet giallo, altri no, notano gli inquirenti titolari dell'indagine.

Intanto, aumenta il numero dei francesi stanchi delle proteste, secondo un sondaggio pubblicato da BFM TV, anche se il 58% condivide la protesta stessa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Saccheggiamenti e feriti nel 18° atto di protesta dei Gilet gialli

Gilet gialli: cortei, raduni e pic-nic di protesta