Bangladesh: elezioni legislative fra le violenze

Bangladesh: elezioni legislative fra le violenze
Diritti d'autore Reuters
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Scontro al femminile fra due candidaqte

PUBBLICITÀ

Già diversi morti questa domenica in Bangladesh come risultato delle violenze fra il partito al potere, la lega Awami, e l'opposizione, nel giorno delle elezioni legislative.

Un uomo è morto quando la polizia ha iniziato a sparare sui manifestanti dell'opposizione in una città al sud del paese. Oltre 100 milioni elettori devono scegliere fra la Lega Awami e il partito nazionalista del Bangladesh, principale partito d'opposizione. Dall'otto novembre, data in cui è stata annunciata la data delle elezioni, almeno sei persone sono morte, uccise dalle violenze fra i militanti.

600.000 forze dell'ordine sono state mobilitate . È scontro al femminile fra Sheik Hasina che cerca la riconferma al potere e Khaleda Zia che era stata arrestata per un affare di corruzione. Secondo i sondaggi la Hasina, figlia di un altro premier, dovrebbe conquistare i voti per un nuovo mandato. È al potere da circa dieci anni ed è consciuta all'estero soprattutto per avere accolto nel paese migliaia di rifugiati Rohingya che fuggivano dalla Birmania.

Gli avversari la decrivono invece come un autocrate che reprime la dissidenza. Nel paese l'ahutority delle telecomunicazioni ha ordinato gli operatori di interrompere il servizio 3g e 4g per evitare che si spargano voci false via internet.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Voto in Bangladesh, vince premier Hasina. Scontri e morti