ULTIM'ORA

California, il fuoco avanza. Almeno 31 morti e 100 dispersi

California, il fuoco avanza. Almeno 31 morti e 100 dispersi
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

California ancora in ginocchio

CALIFORNIA (USA) - Sembra che non ci sia nulla da fare contro due terribili incendi scoppiati in California. Con il vento a 110 km all'ora che rafforza il fuoco, i roghi potrebbero addirittura prendere maggiore velocità e diffondersi ulteriormente in tutto lo stato.

Nel nord, l'incendio ribattezzato "Camp Fire", un vero e proprio tornado di fuoco, uno dei più letali e distruttivi della storia della California, ha provocato la morte di almeno 29 persone da quando è scoppiato giovedì a nord-est di Sacramento. Praticamente distrutta la città di Paradise, 270 mila abitanti e 23 morti accertati.
Una città fantasma.

Oltre 110 residenti nella zona risultano ancora dispersi.

Centinaia di miglia a sud, almeno altre due persone sono morte nell'area di Woolsey, minacciando la comunità attorno alla famosa spiaggia di Malibu.
In questo caso l'incendio è stato ribattezzato "Woolsey Fire" e ha già provocato la distruzione di 33.500 ettari di terreno

Le squadre di soccorso dei vigili del fuoco si stanno adoperando per contenere i danni, ma nonostante la zona a rischio sia stata ridotta del 25%, "Camp Fire" ha bruciato 45.000 ettari di terreno, 6000 abiitazioni e quasi 300 negozi.

REUTERS/Eric Thayer
Fuoco e fumo nelle colline vicino a Malibu.REUTERS/Eric Thayer

Nelle aree più colpite la scena appare spettrale, con boschi e villaggi ridotti a un cumulo di cenere, e le poche zone risparmiate dal fuoco avvolte in un clima surreale, con case e strutture abbandonate e strade completamente deserte.

Questo video su Twitter è impressionante nella sua desolazione.

Corpi bruciati

Penosa la ricerca dei corpi: la maggior parte dei cadaveri e' stata ritrovata nelle case o nelle auto in cui le vittime cercavano di fuggire.
La Protezione Civile ha dislocato diverse stazioni mobili per il rilevamento del Dna visto che in molti casi ad essere rinvenute sono solo ossa umane.
I forti venti, fino a oltre 110 chilometri orari, non aiutano a domare le fiamme e uno dei principali pericoli e' il formarsi degli spettacolari quanto devastanti 'fire tornado', i tornado infuocati che travolgono ogni cosa al loro passaggio incenerendola.

Le immagini postate sotto sono terribili.

Allarme rosso aria

C'è poi l'emergenza legata all'aria sempre più irrespirabile, anche nelle zone non colpite direttamente dagli incendi, con una coltre di nebbia arancione che si propaga per gran parte della California.

Allarme rosso nella zona della baia di San Francisco per la pessima qualità dell'aria causata proprio dagli incendi.

Fuoco e polemiche

Intanto, incurante delle critiche, Donald Trump dall'Europa, continua ad accusare via Twitter le autorità californiane di essere responsabili del disastro a causa di una cattiva gestione dei boschi: "Possiamo fermare la devastazione che colpisce troppo spesso la California. Usate il cervello!", scrive il Presidente che in precedenza aveva minacciato un taglio dei fondi federali. Pronta la replica delle autorità locali: "Il Presidente si informi, a bruciare sono soprattutto i boschi di proprieta' dello stato federale, non quelli statali".
Ira anche degli ambientalisti che puntano invece il dito sulla siccita' provocata dai cambiamenti climatici, quelli in cui Trump non crede.

La causa dell'incendio? Forse una scintilla

L'incendio potrebbe essere stato causato da un problema tecnico. una scintilla nell'equipaggiamento di una serie di impianti elettrici gestiti dalla Pacific Gas & Electric Co. (PG & E), una società che si occupa proprio di luce e gas nella zona colpita dagli incendi e che nelle ore precedenti aveva segnalato "problemi di varia natura".

Il Governatore della California Jerry Brown ha chiesto lo stato di "grave disastro".

Ecco lo staff dello Sceriffo della Contea di Butte in un momento di pausa prima di tornare al lavoro e all'emergenza.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.