ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Doping, 30 anni fa il caso Johnson

Lettura in corso:

Doping, 30 anni fa il caso Johnson

Doping, 30 anni fa il caso Johnson
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Trent'anni fa oggi, lo sprinter canadese Ben Johnson, un gigante di origini giamaicane, vincitore dei 100 metri alle Olimpiadi di Seul subì una delle più grandi umiliazioni che possono toccare a uno sportivo. Fu infatti trovato positivo al'antidoping, e venne squalificato e spogliato della medaglia d'oro olimpica e anche del record del mondo stabilito sulla pista coreana, quel 9"79, che aveva lasciato il mondo a bocca aperta. L'anno prima l'atleta canadese ai Mondiali di Roma aveva conquistato l'oro sui 100 metri, battendo il suo rivale storico Carl Lewis e anche in quell'occasione fu record del mondo in 9"83. In seguito l'atleta ammise di aver fatto uso di sostanze proibite già da molto tempo e per questo gli vennero tolti anche i riconoscimenti acquisiti ai Mondiali di Roma. Dopo una lunga squalifica Ben Johnson provò a tornare in pista, pur senza risultati significativi, ma nel 1993 fu trovato ancora positivo e squalificato a vita.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.