ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Zurigo: circolano lettere falsificate che chiedono di tenere in cantina i richiedenti asilo

Lettura in corso:

Zurigo: circolano lettere falsificate che chiedono di tenere in cantina i richiedenti asilo

Zurigo: circolano lettere falsificate che chiedono di tenere in cantina i richiedenti asilo
Dimensioni di testo Aa Aa

La polizia svizzera sta indagando su una falsa lettera distribuita giovedì sera nella regione di Zurigo, che contiene il sigillo della direzione della sicurezza locale. La lettera chiede ai residenti di ospitare i richiedenti asilo nelle loro cantine.

L'obiettivo però non è quello di mostrarsi solidali con i migranti, ma di spingerli invece a lasciare il paese. Nella falsa missiva viene spiegato infatti che mantenere i richiedenti asilo respinti in "alloggi sotterranei" si è dimostrato un modo efficace per convincerli a lasciare il paese.

"La restrizione della libertà svolge ha un effetto deterrente e spinge i migranti a rispettare l'obbligo di andarsene", si legge nella lettera.

az Limmattaler Zeitung

I richiedenti asilo le cui domande sono state respinte - continua la lettera - non sempre lasceranno il paese senza resistenza". Di conseguenza "la Direzione della sicurezza persegue la strategia di definire le condizioni di vita di queste persone in modo che lascino volontariamente la Svizzera".

La lettera promette inoltre un reddito supplementare ai cittadini che accetteranno la proposta, spiegando che l'alloggio sarà "remunerato forfettariamente".

In calce alla lettera compare la firma del direttore della sicurezza di Zurigo Mario Fehr, ma i media svizzeri, che ne avevano una copia, hanno notato che in realtà la firma corrisponde a quella del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

La portavoce della polizia cantonale di Zurigo, Carmen Surber, ha spiegato ad Euronews che la polizia è a conoscenza della diffusione della lettera falsa, ma non ha informazioni certe sul numero di famiglie che l'hanno ricevuta.

"Chiediamo alle persone che trovano la lettera di distruggerla", ha detto la Surber.