L'Europa a confronto su migranti e Brexit

L'Europa a confronto su migranti e Brexit
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Salisburgo: si torna a discutere di migranti (e Brexit), ma senza crederci troppo. Più poteri a Frontex e più collaborazione con l'Africa i perni della strategia di Bruxelles

Donald Tusk: "Malgrado la retorica aggressiva, stiamo andando nella direzione giusta"

PUBBLICITÀ

In Austria si torna a discutere di migranti, ma senza crederci troppo. Padrone di casa il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, il vertice informale dei Capi di stato e di governo UE si è aperto a Salisburgo con la consapevolezza che le risposte non arriveranno almeno fino al vertice di ottobre. Speranza di Bruxelles è intanto superare le divisioni mettendo d'accordo tutti sull'ampliamento del mandato di Frontex, l'agenzia europea della guardia di frontiera e costiera. "Inviterò tutti i leader europei a smettere con il gioco delle accuse - ha detto in apertura, il Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk -. Malgrado una retorica aggressiva, le cose stanno procedendo nella direzione giusta. E soprattutto perché ci stiamo concentrando sul controllo dei confini esterni".

Foto: REUTERS/Lisi Niesner
Il cancelliere austriaco e padrone di casa, Sebastian KurzFoto: REUTERS/Lisi Niesner

Più poteri a Frontex, più cooperazione con l'Africa: i perni della strategia UE

"L'unica soluzione è evitare che arrivino delle imbarcazioni in Europa", la sintesi di Kurz dell'altro perno della strategia europea: un potenziamento della cooperazione con i paesi dell'Africa del Nord, in vista del quale lo stesso ipotizza un vertice con la Lega Araba a febbraio. "Dobbiamo continuare a lavorare a questa partnership con i paesi africani, per risolvere la questione migratoria - ha detto l'Alto rappresentante per la politica estera UE, Federica Mogherini -. Questo significa assicurarsi più investimenti nella cooperazione, ma anche il proseguimento del lavoro con l'Alto commissariato ONU per i rifugiati e con l'Organizzazione Mondiale per le migrazioni. E significa anche che ciascuno stato membro deve fare la sua parte, nel rispetto di solidarietà e responsabilità, dovute a chi ha diritto alla protezione internazionale". 

Foto: REUTERS/Lisi Niesner
L'Alto rappresentante per la politica estera UE, Federica MogheriniFoto: REUTERS/Lisi Niesner

E se il piatto forte, nella prima giornata di vertice, è stato il tema dei migranti, si è ritagliato uno spazio in menù anche quello della Brexit, che poi questo giovedì sarà oggetto di un pranzo di lavoro, in assenza di Theresa May.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, l'esperto: "cambiamento climatico è fattore chiave"

Zurigo: circolano lettere falsificate che chiedono di tenere in cantina i richiedenti asilo

Migranti, l'Albania approva l'accordo sui Cpr dell'Italia