Kurz e Merkel d'accordo sui migranti

il cancelliere austriaco Kurz con Angela Merkel
il cancelliere austriaco Kurz con Angela Merkel
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I cancellieri austriaco e tedesco hanno concordato su diverse misure in funzione di controllare gli arrivi di migranti in Unione Europea. Al primo posto il potenziamento della missione Frontex

PUBBLICITÀ

Il cancelliere tedesco, Angela Merkel e l'omologo austriaco Sebastian Kurz sono giunti ad un accordo per il controllo degli arrivi dei migranti in Ue. Non bisognerebbe neanche fare partire le navi dalle coste dell'Africa e della Turchia, ha detto Kurz che ha anche richiamato i colleghi europei e le istituzioni di Bruxelles a un maggiore impegno per ampliare e rafforzare Frontex:

"Puntiamo a un rafforzamento di Frontex entro il 2020, ma anche a  un'estensione del mandato in modo che Frontex possa anche cooperare con i Paesi di transito con lo scopo di non far salpare le imbarcazioni cariche di migranti", ha dichiarato Kurz. 

"Condividiamo le priorità del governo austriaco. Ossia che dobbiamo occuparci innanzitutto della protezione dei confini esterni. Jean Claude Juncker ha fornito dei consigli che accetterei volentieri, ha detto Angela Merkel in conferenza stampa. 

Juncker nel suo discorso sullo stato delll'Unione dei giorni scorsi ha proposto l'aumento degli uomini operativi nella missione Frontex di 10mila unità e il trasferimento delle competenze dai governi nazionali a Bruxelles. Nonchè l'istituzione di centri per migranti nella periferia europea e nel Nord dell'Africa.

Nel corso del vertice si è parlato anche di Brexit: Austria e Germania concordano sul fatto che si debba fare tutto il possibile per evitare che la Gran Bretagna lasci l'Unione europea senza un accordo commerciale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, l'esperto: "cambiamento climatico è fattore chiave"

Zurigo: circolano lettere falsificate che chiedono di tenere in cantina i richiedenti asilo

Austria: Pronti a proteggere i nostri confini