Morto per selfie: padre, voglio verità

Morto per selfie: padre, voglio verità
'Su un tetto non ci deve essere una botola di un metro aperta'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA)- MILANO, 17 SET - "Voglio verità e giustizia per mio figlio. Non era un amante dello sport estremo, a 15 anni era già un uomo". Sono le parole di Alessandro Barone, padre di Andrea, il 15enne morto dopo essere precipitato dal tetto di un centro commerciale di Sesto San Giovanni (Milano) sabato sera dove era salito, secondo quanto emerso finora, per fare un selfie. "Invece di proteggere i colossi - ha aggiunto il padre -, che cerchino la verità, una botola di un metro e mezzo aperta su un tetto non ci deve essere". Secondo quanto emerso il giovane sarebbe salito sul tetto del cinema che si trova nella struttura, insieme a tre amici, per un selfie sulla 'vetta' dello "Skyline", ma a questa versione il padre non crede: "Ho letto e sentito stupidaggini di ogni genere, anche le foto del suo profilo girate in rete sono una stupidaggine, lui si è fotografato sulla botola di un ascensore, sembrava un tetto ma non lo era".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, un anno di guerra: donatori a Parigi, Germania promette milioni di aiuti

Le notizie del giorno | 15 aprile - Serale

Portogallo, i giovani votano destra: il peso del partito Chega! verso le elezioni europee