ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia, fine della Troika ma per gli ateniesi "non c'è nulla da festeggiare"

Lettura in corso:

Grecia, fine della Troika ma per gli ateniesi "non c'è nulla da festeggiare"

Grecia, fine della Troika ma per gli ateniesi "non c'è nulla da festeggiare"
Dimensioni di testo Aa Aa

Potrebbe essere ricordato come uno spartiacque dai cittadini greci questo 20 agosto 2018. Ma se il Paese è ufficialmente fuori dal programma di salvataggio, non si può dire altrettanto riguardo ad austerità, debito e disoccupazione ai massimi storici.

Per questo, gli ateniesi sentiti da Euronews non sembrano ancora propensi a festeggiare.

"Usciamo dai salvataggi - ci ha detto Niko, un uomo sulla 60ina - ma i salari aumenteranno? Le imposte diminuiranno? Avremo un futuro migliore? Non sappiamo niente, questa è la verità. Dovremo aspettare e vedere"

Serviranno decenni prima che la Grecia ripaghi i suoi prestiti. E nel frattempo, il governo dovrà mantenere uno stretto controllo sulla spesa pubblica e trovare il modo di riportare le persone nel mondo del lavoro, possibilmente con stipendi dignitosi, in modo che possano ripagare i loro prestiti bancari e far ripartire i consumi. I prestiti in sofferenza nel sistema bancario del Paese rappresentano il 48 per cento del totale - più di 10 volte la media europea.

"L'uscita non significa nulla - spiega Vicki, ateniese di 45 anni - perché gli stipendi non cresceranno, i servizi sanitari sono terribili, è tutto terribile. E' tutto terribile qui, non abbiamo nulla da festerggiare".

"Sono un pensionato - le fa eco Mihalis, 73 anni - e il 30 di ogni mese ormai attendo di vedere se la mia pensione è stata nuovamente tagliata. Per cui, anche io, cosa volete che abbia da festeggiare?".