EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Bari, da caporalato a 'Sfruttazero'

Bari, da caporalato a 'Sfruttazero'
Quinto anno progetto produzione salsa pomodoro in autogestione
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 16 AGO - "Salsa di pomodoro con lo 0% di sfruttamento". È il progetto Sfruttazero dell'associazione Solidaria di Bari, giunto al 5/o anno, per la produzione e vendita di salsa di pomodoro da coltivazioni agroecologiche. È in corso in questi giorni la raccolta dei pomodori. L'obiettivo è trasformare il pomodoro da simbolo dello sfruttamento del caporalato nelle campagne pugliesi in un'attività lavorativa collettiva e solidale. Sfruttazero nasce nel 2014 grazie all'associazione barese "Solidaria" e, dall'anno successivo, collabora con "Diritti al Sud" di Nardò.Migranti africani e italiani coltivano e raccolgono pomodori su un terreno alla periferia di Bari, ne fanno salsa e la vendono in mercatini, spacci popolari e piccole botteghe grazie alle reti nazionali "Fuorimercato" e "Genuino Clandestino". Ciascun lavoratore, regolarmente assunto, viene retribuito 7 euro netti l'ora per un massimo di 6-8 ore lavorative al giorno. Quando il progetto è cominciato, sono state vendute 600 bottiglie. Quest'anno saranno 25mila.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia: la presidente Zourabichvili pone il veto alla 'legge russa'

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan

Maltempo in Europa: allerte per inondazioni in Germania e Francia