Siria, gli ispettori Onu restano bloccati a Damasco

Siria, gli ispettori Onu restano bloccati a Damasco
Di Antonio Michele Storto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La delegazione dell'Organizzazione per la probizione delle armi chimiche dovrebbe poter raggiungere Douma per mercoledì.

PUBBLICITÀ

Sono ancora a Damasco gli ispettori dell'Organizzazione mondiale per la proibizione delle armi chimiche, che da sabato restano in attesa del via libera per poter visitare il sito dell'attacco chimico avvenuto lo scorso 7 aprile nella vicina Douma.

Secondo un comunicato diffuso ieri dalla delegazione, il regime li avrebbe trattenuti dichiarando di non poter garantir loro la sicurezza. "E' possibile - ha ipotizzato in proposito l'ambasciatore russo all'Opac Alexandr Shulgin - che avessero paura che gli esperti, dopo aver condozzo il loro lavoro sul campo, corroborassero la falsa versione che ha già fornito una giustificazione per i raid aerei che Stati uniti, Francia e Gran Bretagna hanno condotto con contro una Siria inerme"

E quella dell'ambasciatore potrebbe essere più che una speculazione: le preoccupazioni del regime, infatti, sembra fossero valide solo per la delegazione Opac, dal momento che. nelle stesse ore, a un ristretto gruppo di reporter internazionali è stato consentito l'accesso alla scena dell'attacco: tra loro, il mostro sacro Robert Fisk, che già nel 2013 negava la responsabilità governativa riguardo a un altro attacco chimico avvenuto nella stessa regione.

Stando a quanto dichiarato da un portavoce del governo, sembra che gli ispettori potranno accedere allarea nella giornata di mercoledi'.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La storia di Vera, studentessa greca di origini siriane che vuole aiutare a ricostruire Aleppo

Raid in Siria, l'opinione di Edoardo Greppi, consigliere Ispi

Siria, Mogherini: "Necessario fare pressione su Assad affinchè venga a negoziare"